Focus

Inter, verso la Lazio la coperta è corta: due reparti a rischio

Nonostante il campionato si sia fermato temporaneamente per la sosta delle nazionali, non bisogna mantenere la concentrazione anche al prossimo impegno che aspetta l’Inter. Ovvero la sfida in casa della Lazio, il 16 ottobre. Una sfida a cui i nerazzurri rischiano di arrivare con la coperta corta.

POSSIBILE EMERGENZA – In vista della sfida tra Lazio Inter, in casa nerazzurra si inizia già a fare i conti con una possibile emergenza di formazione. Causata al 90% dagli impegni dei nazionali sudamericani. Dei cinque attaccanti a disposizione, infatti, ben tre torneranno a poche ore dal calcio d’inizio della sfida, dopo un volo transcontinentale. Se ci aggiungiamo che uno dei tre è un elemento della coppia d’attacco titolare (Lautaro Martinez), si fa presto a capire quale sia il motivo della preoccupazione. Per Simone Inzaghi è necessario pensare già a possibili alternative per la sua Inter, tenendo conto però che la coperta è corta.

Lazio-Inter, il Sudamerica mette due reparti a rischio

POSSIBILI ALTERNATIVE – Senza tre dei suoi attaccanti, Inzaghi ha due alternative principali. La prima, far debuttare Martin Satriano dal primo minuto con la maglia dell’Inter (vedi focus). La seconda, spostare un centrocampista a supporto di Edin Dzeko (nella speranza, chiaramente, che quest’ultimo torni senza problemi dal doppio impegno con la sua Bosnia). Il problema legato alla seconda ipotesi è che – a conti fatti – anche il centrocampo è a rischio emergenza. Considerato che Stefano Sensi è ancora fuori per infortunio e i due sudamericani Arturo Vidal Matias Vecino torneranno – come gli attaccanti – a ridosso della sfida, anche qui le alternative sono ben poche. Prima di fasciarsi la testa è necessario valutare le condizioni dei giocatori al termine della sosta per le nazionali. Ma lo è altrettanto preparare già delle possibili contromisure.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button