Inter sprecona, lo dimostrano le statistiche. Serve più cinismo

Articolo di
14 Gennaio 2021, 20:31
Antonio Conte Atalanta-Inter Antonio Conte Inter
Condividi questo articolo

Nelle ultime tre partite – per inciso, tutte trasferte – l’Inter di Antonio Conte ha ottenuto una sola vittoria, per giunta ai supplementari. Il motivo? Nerazzurri troppo spreconi, come dimostrano le statistiche.

QUANTE OCCASIONI – Oltre alla fase difensiva, con la difficoltà a mantenere la porta inviolata, l’Inter ha un altro grande aspetto da migliorare. Specialmente alla luce delle ultime tre partite. I nerazzurri sono infatti troppo “spreconi”, mancando di lucidità e cinismo sotto porta. Partendo proprio dall’ultima partita giocata – quella di ieri contro la Fiorentina – la squadra di Antonio Conte ha trovato la vittoria soltanto al 119′. Quello che salta all’occhio, però, sono i dati: ben 22 tiri effettuati, di cui la metà (11) nello specchio della porta. In tutto questo, solo due reti segnate, di cui una – la prima – da calcio di rigore.

TANTI ERRORI – Nelle ultime due partite di campionato disputate, dalle quali è arrivato solo un punto (a Roma), l’Inter ha creato e tanto. Nel 2-2 contro i giallorossi sono arrivati due gol a fronte di 16 tiri, dei quali solo 6 in porta, il che palesa anche la mancanza di precisione sotto porta (come dimostrato anche dalle grandi occasioni divorate, tra cui quella di Arturo Vidal). Contro la Sampdoria sono stati addirittura 23 i tiri totali, di cui 11 in porta, a fronte di una sola rete segnata. Una partita simile a quella contro la Fiorentina di ieri, se considerassimo solo i minuti regolamentari.

CALCI PIAZZATI – Insomma, in totale sono arrivati cinque gol con 28 tiri in porta, uno ogni (circa) cinque tiri e mezzo. Considerando solo i palloni indirizzati nello specchio. Un altro dato che salta all’occhio è la mole di calci piazzati non sfruttati (sebbene due reti siano arrivate da calcio d’angolo e una da calcio di rigore): su 26 corner battuti nelle ultime tre, solo due sono stati trasformati in gol. Il che è sicuramente un altro aspetto da migliorare. Anche perché – prendendo nuovamente in esame la sfida tra Sampdoria e Inter – i blucerchiati hanno avuto bisogno di soltanto 8 tiri (praticamente 1/3 di quelli effettuati dai nerazzurri e di cui 6 in porta) per bucare due volte Handanovic e conquistare la vittoria. Cinismo, la parola chiave per fare il salto di qualità e riuscire a vincere anche gli scontri diretti, nei quali i nerazzurri quest’anno sono piuttosto carenti (vedi articolo).



Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.