Inter, rimpianto Scudetto? Male tra le prime quattro: una sola vittoria

Articolo di
24 Luglio 2020, 20:26
Inter-Lazio Inter-Lazio
Condividi questo articolo

In una stagione in cui la Juventus non è apparsa (e non appare tutt’ora) imbattibile, molti tifosi e addetti ai lavori hanno parlato di rimpianti Scudetto per l’Inter. Ciò che viene imputato alla squadra di Conte è l’aver perso punti preziosi in partite abbordabili, ma per una squadra che punta al titolo è necessario fare meglio anche e soprattutto negli scontri diretti.

PUNTI PERSI – È vero, l’Inter quest’anno avrebbe potuto approfittare di una Juventus più “battibile” degli scorsi anni e puntare fin da subito allo Scudetto. I nerazzurri hanno perso molti punti preziosi, che sicuramente lasciano l’amaro in bocca. Basti pensare a partite rimontate dagli avversari nei minuti finali (a Firenze, per esempio, a Verona o anche a San Siro contro il Sassuolo) e a sconfitte quasi inspiegabili (come contro il Bologna, in casa e con la superiorità numerica per quasi tutto il secondo tempo). Ma è davvero questo ciò che ha fatto la differenza per la squadra di Antonio Conte? Solo in parte.

RISULTATI DELUDENTI – Andando ad analizzare numeri e risultati, ciò che ha veramente fatto la differenza per l’Inter sono stati gli scontri diretti. Classiche partite che valgono i cosiddetti “6 punti”. Nelle sfide tra le prime quattro della classifica, infatti, i nerazzurri hanno racimolato la miseria di 4 punti su 15 disponibili (resta ancora da giocare lo scontro diretto a Bergamo contro l’Atalanta all’ultima giornata). Due sono le sconfitte patite contro la Juventus con ben quattro gol subiti e uno solo fatto (a San Siro, su rigore). Contro la Lazio è arrivata l’unica – fin qui – vittoria, per 1-0 in una partita sofferta tra le mura di casa, mentre all’Olimpico è arrivata una sconfitta in rimonta per 2-1 dopo il momentaneo vantaggio di Ashley Young. Infine contro l’Atalanta, a Milano, è arrivato soltanto un pareggio, frutto anche di un rigore parato da Samir Handanovic nei minuti finali.

DIFFERENZE – In questa “classifica” di punti conquistati tra le prime quattro, l’Inter sarebbe attualmente all’ultimo posto. La Juventus ha infatti conquistato 13/18 punti (una sconfitta contro i biancocelesti e un pareggio contro i bergamaschi), la Lazio ne ha conquistati 7/18 (due vittorie e un pareggio in casa, tre sconfitte esterne) e l’Atalanta momentaneamente 6/15. Per migliorare il trend, dunque, la squadra di Antonio Conte è chiamata a conquistare i tre punti a Bergamo all’ultima giornata.

SALTO DI QUALITÀ – È chiaro dunque, alla luce di quanto sopra, che una squadra per potersi conquistare la Serie A deve assolutamente fare meglio e fare un salto di qualità soprattutto negli scontri diretti. Sarebbe bastato, per esempio, vincere una delle due sfide contro la Juventus per essere al momento a un solo punto dai bianconeri nonostante tutti i punti persi e recriminati contro le “piccole”. Che fanno certamente comodo e lasciano, come detto, l’amaro in bocca. Ma non possono essere una scusante per una squadra che vuole tornare a vincere il prima possibile.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE