Inter-Perisic, parola d’ordine è rimanere United contro Mou: croato fondamentale

Articolo di
16 luglio 2018, 16:14

Il Mondiale di Russia 2018 è terminato con la vittoria finale della Francia, che ha conquistato la Coppa del Mondo battendo 4-2 la Croazia di Ivan Perisic e Marcelo Brozovic: i due croati adesso si godranno le meritate vacanze per poi tornare a disposizione di Luciano Spalletti, che nel frattempo si prepara a respingere l’assalto di José Mourinho

LUSTRO MONDIALEIvan Perisic e Marcelo Brozovic non torneranno a Milano da Campioni del Mondo, ma il lustro che dà un secondo posto ai Mondiali non può certamente essere sottovalutato: i due croati torneranno agli ordini di Luciano Spalletti sicuramente galvanizzati dalla bella figura fatta in Russia, dove hanno fatto vedere di poter competere ad alti livelli. Semmai il problema potrà essere fargli ritrovare la forma fisica perfetta per affrontare al meglio una stagione in cui non ci sarà più solo il campionato da affrontare ma anche una competizione tanto desiderata e cercata come la Champions League.

UNITED CONTRO MOURINHO – Proprio alla luce di questo è fondamentale che sia il centrocampista che l’ala rimangano in nerazzurro: in questo momento quello più corteggiato è sicuramente Perisic, che ha timbrato il cartellino anche in finale mettendo a segno una rete favolosa, un mix di tecnica e potenza che gli interisti conoscono bene. E non solo loro, a quanto pare. Sembra infatti che José Mourinho, dopo l’interesse della scorsa estate, sia realmente intenzionato a ridare l’assalto al numero 44 nerazzurro (qui i dettagli): un’operazione che a livello economico darebbe soddisfazione all’Inter, ma che a livello tecnico andrebbe a indebolire la rosa. Certo, Angel Di Maria come sostituto è una bella suggestione (leggi qui) ma l’argentino non sembra più quello di una volta e Spalletti ha bisogno di vigore fisico, quello che appunto assicura Perisic. Magari il Mondiale avrà tolto qualche energia, ma una preparazione mirata e la dedizione dell’ex Borussia potrebbero essere carte vincenti. Dunque ci si augura che il club nerazzurro alzi ancora una volta il muro davanti al corteggiamento di Mourinho, perché ora più che mai Perisic è fondamentale.






ALTRE NOTIZIE