Focus

Inter, per sostituire Lukaku una punta non basta: servono due acquisti, veri

Sostituire Lukaku non è semplice. Tanto che per farlo all’Inter non basterà un solo colpo sul mercato. In caso di cessione del belga i nuovi attaccanti devono essere due.

DUE PER UNO – C’era una vecchia pubblicità che chiedeva di sostituire una confezione di detersivo di una certa marca per due di un’altra. L’Inter si trova in una situazione simile. Solo che parliamo di attaccanti. Lukaku da solo vale due. Quindi la sua cessione va compensata con un doppio colpo sul mercato. Senza possibilità di appello.

PROBLEMA QUARTA PUNTA – Partiamo da un punto. L’Inter da anni cerca di completare a livello numerico il suo reparto offensivo. Anche nel biennio Conte a ogni sessione di mercato si è parlato della famosa quarta punta. Ruolo coperto un anno da Sebastiano Esposito e l’altro da Pinamonti. O da Perisic adattato. Una lacuna evidente, nascosta solo dal rendimento straordinario dei due attaccanti titolari. Lukaku e Lautaro Martinez. Col contributo saltuario di Alexis Sanchez. Questa lacuna nella rosa nerazzurra c’è ancora. E va tenuta presente a maggior ragione in caso si scelga di cedere uno dei due titolari. Specialmente il belga.

DOPPIO SOSTITUTO – Il motivo è presto detto. Lukaku è il riferimento assoluto non solo dell’attacco, ma di tutta la manovra offensiva nerazzurra. 64 gol e 16 assist in 95 presenze. Tutto unito a una costanza fisica notevole: secondo per minutaggio totale nel 2019-2020, quarto nel 2020-2021. Non c’è un singolo che l’Inter possa acquistare che da solo possa rimpiazzare tutto questo. Per sopperire a una simile assenza serve un nuovo titolare che risolva una parte del problema. E una quarta punta che finalmente completi il reparto, permettendo di spalmare i numeri e l’impatto del belga. Due per uno. Come la vecchia pubblicità. Altrimenti l’Inter saprà già in partenza di avere un problema.

 

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button