Focus

Inter, nuova difesa per Inzaghi: altri interpreti e ‘pulizia’ diversa

Da Pavard a Bastoni, l’Inter è in allarme difesa vista la perdita di due titolari. Ma Inzaghi ha già la nuova retroguardia in mente.

STOP − Alessandro Bastoni dice addio alla possibilità di giocare contro la Juventus. Il difensore centrale dell’Inter, uscito infortunato dal ritiro della Nazionale italiana, è al lavoro con lo staff medico dei nerazzurri per rientrare al più presto nei convocati di Simone Inzaghi. Il centrale azzurro ha dovuto dire addio agli Azzurri in anticipo e ha lasciato il gruppo di Coverciano. Per Inzaghi la sua assenza peserà tantissimo visto che in occasione del Derby d’Italia dovrà confezionare una nuova difesa.

DOPPIA TEGOLA − La difesa consolidata nelle scorse settimane ha perso due pedine importanti. Oltre a lui infatti, il tecnico piacentino dovrà privarsi di Benjamin Pavard. Anche il francese sarà infatti out contro i bianconeri. Inzaghi si affiderà quasi sicuramente a De Vrij e Acerbi, con Darmian a fare il terzo. Sarà infatti l’altro italiano a prendere il posto dell’ex Atalanta in una difesa che deve dire addio – per un po’ – a due colonne importanti. Bastoni nel frattempo, continua a fare terapia ad Appiano Gentile e spera di poter rientrare in campo per la trasferta di inizio dicembre a Napoli. Il primo test match per la nuova difesa interista sarà appunto nel derby d’Italia contro la Juventus. Sarà Acerbi, probabilmente, a prendere le veci di Bastoni con de Vrij al centro della retroguardia.

MENO PULIZIA − Senza Pavard e Bastoni per forza di cose la manovra dell’Inter perderà in pulizia e qualità nella fase di costruzione. I due, infatti, hanno giovato durante questi primi mesi di stagione al gioco della squadra, grazie ai loro piedi educatissimi. Sia l’italiano che il francese sono stati un’arma tattica in più per Simone Inzaghi, con lo stesso Bastoni sempre molto attivo anche in fase offensiva, in coppia con l’accorrente Dimarco. Con la nuova variante Acerbi a sinistra e Darmian a destra cambierà probabilmente anche il canovaccio: la maggior fase di spinta si sposterà dalla catena mancina a quella di destra. Poiché Darmian ha molto più abitudine ad attaccare e a sovrapporsi rispetto ad Acerbi.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Se sei un interista vero, allora non puoi fare a meno di entrare nella famiglia Inter-News.it diventando a tutti gli effetti un membro attivo del nostro progetto editoriale! Per farlo basta semplicemente compilare il form di iscrizione alla nostra Membership - che è rigorosamente gratuita! - poi a contattarti via mail per darti tutte le istruzioni ci penseremo noi dopo il ritiro della INs Card personale! E se nel frattempo vuoi chiederci qualsiasi cosa, non perdere altro tempo: contattaci direttamente attraverso la pagina dedicata, che puoi raggiungere dal nostro sito come sempre con un click.


Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.