Focus

Inter, Lukaku ti porta punti preziosi. E in Inghilterra è già un rimpianto

Romelu Lukaku non gode di buona stampa, ma i suoi numeri farebbero impallidire chiunque. L’Inter lo sta accompagnando nella sua crescita progressiva. A Manchester, invece, sembra essere già un grosso rimpianto soprattutto per la situazione attuale del club. 

RESILIENZA – Chi la dura, spesso la vince e Romelu Lukaku è uno difficile da demoralizzare. Voluto, fortemente, da chi non l’aveva mai cullato a disposizione. Visto da vicino, il belga colpisce per mancanza di coordinazione, per la non sopraffina tecnica di base e soprattutto per un difetto scomodissimo: sa far gol, sempre. Una dote troppo spesso sottovalutata, soprattutto se messa insieme al grande lavoro occulto che l’ex Manchester United finisce per sobbarcarsi ogni volta che scende in campo. La scelta di puntare su di lui, al termine di una trattativa mediaticamente logorante, è stata sinonimo di un cambio radicale di filosofia offensiva per l’Inter. Una svolta tanto rischiosa quanto fruttifera, e dai propositi decisamente ottimisti.

RIMPIANTO – I numeri della prima esperienza in Serie A sono da pollice alto per Lukaku: 9 gol in 12 presenze, che hanno spinto l’ago della contesa verso il piatto nerazzurro in più di un’occasione. Gli ultimi dati Opta, infatti, incoronano il belga come calciatore più decisivo della penisola: ben 11 i punti conquistati dall’Inter grazie alle sue intuizioni. E la stampa inglese ha già iniziato a produrre quel ronzio fastidioso nelle orecchie di chi lo aveva accompagnato all’aeroporto in estate: “Lukaku ha messo a segno 9 reti in 15 presenze (compresa anche la Champions League, ndr) rispetto ai 15 gol segnati in 45 presenze col Manchester nella scorsa stagione. Il belga si sta godendo il suo approdo a Milano. L’addio era la cosa giusta per entrambe le parti, ma l’incapacità dello United di trovare un sostituto sta mettendo sotto alla lente di ingrandimento il belga che continua a segnare in Italia”.

CLASSE – Sono parole tratte dal Manchester Evening News e dirette verso un bersaglio che ha nome e cognome: Ole Gunnar Solskjaer. Reo di aver lasciata sguarnita la casella del centravanti dei Red Devils. Lukaku non ha mai goduto di ottima stampa anche quando dalle sue labbra uscivano gol anziché parole cariche di autostima. È un calciatore costantemente nell’occhio del ciclone per l’incapacità di convivere con l’estetica. In realtà, un certo gusto per il bello ha saputo mostrarlo nel momento giusto: il raddoppio dell’Inter a Brescia è griffato con una Montblanc d’eccezione: quella dell’ex United. Non contento, ha messo a segno una rete praticamente identica ieri, contro la Russia in Nazionale. Perché alle critiche si risponde coi fatti, e con la giusta dose di creatività. Infatti Lukaku ha ben scelto di cambiare angolo rispetto alla rete col Brescia. Non si dica che sia ripetitivo, altrimenti finiremo per stufarci persino di vederlo gonfiare la rete.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh