Focus

L’Inter di Inzaghi scopre un’altra abilità: vincere anche senza brillare

L’Inter di Inzaghi, oltre a un’ottima serie di risultati in Italia e in Europa, ha messo in mostra un gioco da spellarsi le mani. Nell’ultima uscita dell’anno, i nerazzurri hanno scoperto di avere anche un’ulteriore qualità.

SFIDA AI GRANATA – Dopo la scintillante prestazione contro la Roma di José Mourinho all’Olimpico e le vittorie in goleada contro Cagliari e Salernitana, l’Inter ha ospitato il Torino a San Siro. Ne è venuta fuori una partita tatticamente complessa, contro un avversario ben organizzato e sostenuto da una condizione atletica che gli ha permesso di portare un pressing continuo sui portatori di palla nerazzurri, in una marcatura a uomo a tutto campo. Quella contro la squadra di Ivan Juric è stata la classica partita “sporca”, una di quelle sfide da vincere accettando lo scontro e rimboccandosi le maniche, lasciando da parte ricami e belletti. C’era da scendere nell’arena e combattere, palla su palla, contrasto dopo contrasto. L’Inter lo ha fatto e, se vogliamo, è una novità in questa stagione.

Inter battagliera

BELLI E CATTIVI – La squadra di Simone Inzaghi, fin dalle prime uscite, si è sempre mostrata molto propensa alla fase offensiva, alla ricerca stilistica del bel gioco e alla tendenza di lasciare liberi i propri giocatori di sprigionare fantasia e qualità. Questo ha portato a una certa mancanza di equilibrio nella prima parte della stagione. La solidità difensiva dell’anno dello scudetto sembrava ormai irrimediabilmente persa. Inzaghi si è messo al lavoro. Ha aggiustato i movimenti, ha limato i difetti e ha restituito alla squadra la difesa che l’ha portata al diciannovesimo tricolore della sua storia. Ora l’Inter è una squadra granitica e, allo stesso tempo, spettacolare. Un mix finora perfetto e i numeri lo stanno confermando, sia in Serie A che in Champions League. Contro il Torino si è aggiunto un terzo fattore, non meno importante degli altri. La capacità di vincere anche le partite più complicate, sapendo anche accettare di soffrire in alcuni frangenti della gara. Quegli 1-0 che vengono definiti “vittorie da grandi squadra” e che nell’arco di una stagione fanno una differenza enorme. E questa è un’ottima notizia.

Inzaghi col Torino si ispira a Oronzo Canà: l’Inter vede il 5-5-5

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh