Focus

Inter, il mercato impone spese oculate: investimenti solo per due profili

La situazione economica dell’Inter impone alla dirigenza di effettuare spese oculate sul mercato. La società dovrà quindi concentrare gli investimenti economici su pochi nomi.

CORDONI CHIUSI – La situazione economica dell’Inter è un argomento che, per attualità, ha superato la vittoria del diciannovesimo Scudetto. Non ha senso ribadire i dettagli che si conoscono ormai da settimane, riassumibili nella necessità di chiudere il mercato in attivo. Questo significa che Giuseppe Marotta e Piero Ausilio avranno poco, se non pochissimo, margine di manovra sul mercato in entrata.

INVESTIMENTI MIRATI – Per chiudere questa sessione di mercato con un segno positivo è necessario innanzitutto generare importanti entrate. La speranza del club e dei tifosi è che sia sufficiente una sola cessione, per quanto dolorosa. Al netto dell’eventuale guadagno per la cessione di Achraf Hakimi (candidato numero uno a partire), l’Inter dovrà quindi effettuare degli investimenti mirati. Innanzitutto per sostituire il marocchino (con pochi nomi davvero papabili). E poi per soddisfare le principali priorità di rinforzo della rosa.

PRIORITÀ CHIARE – Nello specifico, l’Inter ha due priorità sul mercato. Ossia trovare un nuovo esterno sinistro, vista anche la partenza di Ashley Young. E poi rinforzare l’attacco. Per la corsia mancina i nomi sono quelli già noti, e vengono entrambi dal Chelsea: Marcos Alonso o Emerson Palmieri. Le trattative si protraggono da più di un anno per certi versi, ma i Blues non hanno intenzione di svendere i loro asset. Serviranno, in sintesi, almeno 40 milioni per convincere il Chelsea a privarsi di uno di questi due profili. Per quanto riguarda l’attacco, il primo nome sulla lista è quello di Giacomo Raspadori. Qui vale lo stesso discorso, in quanto il Sassuolo non ha intenzione di svendere un gioiello dal futuro assicurato: la speranza di Marotta è di trovare una formula giusta, che magari eviti un esborso monetario immediato (vedi focus).

Hakimi come Conte: per il sostituto pochi nomi seri prima del baratro

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button