Focus

Inter, il mercato dipende (anche) dagli Europei: doppio rischio

Nonostante le tante voci, il mercato dell’Inter non è ancora iniziato, in nessun senso. E gli Europei si stagliano come un momento cruciale: ma occhio al rischio che può derivare dalla competizione.

IMMOBILISMO – Al momento il mercato dell’Inter è sostanzialmente fermo. Anzi no, un movimento è già ufficiale: lo svincolo di Daniele Padelli, col ritorno del portiere all’Udinese. Per il resto tante voci ma nessuna offerta concreta, né in un senso né nell’altro, checché ne dicano i tanti rumors di mercato. Le risorse nerazzurre saranno limitate in questa sessione, e le parole del presidente Steven Zhang sono esplicite: l’Inter deve chiudere il mercato in attivo, pertanto l’esborso dovrà essere inferiore ai ricavi. I quali dovranno arrivare possibilmente entro il 30 giugno, così da migliorare il risultato finale dell’attuale esercizio finanziario. Tuttavia, sarà più facile muoversi – sia in entrata sia in uscita – dopo gli Europei, in partenza questo venerdì.

VETRINA LUCENTE – Da sempre le rassegne intercontinentali come Mondiali ed Europei sono vetrine per il mercato. E l’Inter ha diversi elementi impegnati in questa competizione, in qualsiasi reparto. Guardando all’undici titolare Campione d’Italia, solo Samir Handanovic, Achraf Hakimi e Lautaro Martinez non saranno presenti. In attesa, ovviamente, di conoscere se l’argentino disputerà o meno la Copa America. L’Inter potrebbe quindi sperare in un grande Europeo da parte dei suoi giocatori, così da attirare offerte nelle settimane successive.

DIFFICOLTÀ INTRINSECHE – Tuttavia, viene difficile pensare che gli Europei possano incidere così tanto, in un mercato così asfittico. Il discorso rimane quello: i giocatori più “vendibili” sono Stefan de Vrij, Marcelo Brozovic e Ivan Perisic. Impattano poco a bilancio, e quindi possono essere ceduti a un prezzo contenuto. Ma i primi due saranno due pilastri anche dell’Inter di Simone Inzaghi (specie l’olandese) e l’esterno croato è difficile da piazzare a titolo definitivo (ne abbiamo parlato qui). Bisognerà attendere di vedere come andrà la competizione per i diversi giocatori dell’Inter: ma la dirigenza dovrà iniziare a muoversi ben prima dell’11 luglio (giorno della finale).

PREZZI PROIBITIVI – E, al tempo stesso, l’Inter dovrà “sperare” che gli Europei non contribuiscano all’aumento del valore di alcuni giocatori nel mirino. Su tutti, Emerson Palmieri e Giacomo Raspadori. L’esterno del Chelsea è all’ultimo anno di contratto, ma i Blues non hanno intenzione di regalarlo (vedi articolo). Il talento del Sassuolo è invece in rampa di lancio, ma già si sa che quella neroverde è una bottega cara (vedi articolo). In questo caso, quindi, i nerazzurri dovranno sperare in un trend opposto, che permetta ai propri obiettivi di non far lievitare il costo del proprio cartellino.

Hakimi già venduto, anzi no: dal mercato segnali inequivocabili

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh