Focus

Inter, i 5 rimpianti più grandi di calciomercato negli ultimi trent’anni

Inter prima in classifica in Serie A e ancora in corsa sia per la Champions League sia per la Coppa Italia. Dopo la vittoria della Supercoppa Italiana il pensiero, oltre che al campo, va al mercato di gennaio, che chiuderà a fine mese. Ma prima di acquistare ora serve cedere. Da qui il focus sui cinque rimpianti più grandi di calciomercato negli ultimi trent’anni

Stadium soccer football aerial view - Football pitch
Stadium soccer football aerial view – Football pitch (Photo by Pxhere)

Fin qui, la stagione dell’Inter è stata esaltante. Dopo un inizio un po’ titubante, in cui l’ambiente sembrava rimpiangere i due anni di Antonio Conte sulla panchina nerazzurra, Simone Inzaghi è riuscito a trovare l’abito perfetto per questa squadra. E se inizialmente, soprattutto in Champions e contro le big in campionato, l’Inter faticava a trovare la vittoria, gli ultimi due mesi hanno rappresentato una svolta netta.

La qualificazione agli ottavi di finale dell’ex Coppa dei Campioni è stata ipotecata addirittura con una giornata di anticipo, dopo tre stagioni di fila in cui i nerazzurri non sono riusciti a superare il girone eliminatorio. Nel frattempo, anche la classifica della Serie A sorride agli uomini di Inzaghi, che guardano tutti dall’alto verso il basso.

Nonostante una situazione più che ottimale, la dirigenza interista non ha intenzione di stare a guardare. L’obbligo di riscatto per Correa è già scattato e verrà onorato a giugno, mentre per gennaio cominciano a circolare soprattutto nomi in uscita.

Sono proprio queste le voci che ci hanno spinti a scrivere queste righe. Nel corso degli anni l’Inter ha effettuato parecchie cessioni dolorose, e i tifosi interisti lo sanno bene. Si tratta di giocatori che con la casacca nerazzurra non hanno reso secondo le aspettative, ma che in seguito hanno fatto la fortuna di altri club. Nella speranza che il futuro non riservi altre brutte sorprese, abbiamo scelto i cinque rimpianti più grandi della storia dell’Inter.

Ball sports ground line football - Football pitch rush artificial turf football field
Ball sports ground line football – Football pitch rush artificial turf football field (Photo by Pxhere)

Roberto Carlos


E pensare che nella sua unica stagione in nerazzurro il terzino brasiliano vincitore della Coppa del Mondo non aveva fatto nemmeno così male. 30 le presenze collezionate, cinque i gol realizzati, ma anche una mancanza di disciplina tattica tipica dei brasiliani. La stessa che ha convinto Roy Hodgson, allora allenatore dell’Inter, ad avallarne la cessione al Real Madrid.

Il resto, come si suol dire, è storia. Nelle 11 stagioni disputate con i Blancos, Roberto Carlos ha vinto di tutto, diventando il miglior terzino sinistro al mondo.

Andrea Pirlo


Uno dei più grandi registi della storia del calcio arriva all’Inter a soli 19 anni. Di lui si parla un gran bene, ma dopo una sola stagione la dirigenza nerazzurra decide di girarlo in prestito alla Reggina. Dopo essere rientrato alla base dopo soli sei mesi, l’Inter lo cede in prestito al Brescia, dove Mazzone lo sposta dalla trequarti alla cabina di regia.

Sarà una mossa vincente, che farà le fortune del Milan, capace di acquistarlo dai cugini per 35 miliardi di lire. Tanti soldi, soprattutto per l’epoca, ma davvero troppo pochi se si guarda alla carriera del “Maestro”.

Clarence Seedorf


La storia si ripete, ma stavolta, se possibile, l’errore dell’Inter è ancora più grave di quello commesso con Pirlo. Se le potenzialità di quest’ultimo potevano non essere ancora chiare a tutti, a causa della giovane età, quelle di Seedorf erano note a tutto il mondo. D’altronde, l’olandese aveva già vinto due Champions con Ajax e Real Madrid da protagonista assoluto.

Ecco che allora la cessione al Milan del 2002, dopo una stagione tutt’altro che opaca, risulta semplicemente imperdonabile.

Mario Balotelli


Arriviamo alla nota più dolente, ma anche alla più controversa. In questo momento, molti di quelli che leggono staranno pensando: “Balotelli? Rimpianto? E perché mai?” Non ci sarebbe nemmeno da sorprendersi, se si pensa a come la carriera di Mario si sta concludendo. Quella di uno degli sportivi più eccentrici al mondo è stata una parabola discendente, e costante.

Non è un caso che oggi Balotelli militi nell’Adana Demirspor Kulübü, squadra turca neopromossa della Süper Lig, e che gli ultimi anni della sua vita professionale abbiano rappresentato un downgrade netto rispetto al passato. Eppure, Balotelli ha fatto sognare tanti tifosi nerazzurri nel periodo in cui si è allenato alla Pinetina.

A soli 17 anni Super Mario convince Roberto Mancini a lanciarlo in prima squadra. Pochi anni dopo, è proprio l’attuale allenatore della Nazionale a portarlo a Manchester, sponda City.

Dennis Bergkamp


Il Non-Flying Dutchman, soprannome affibbiatogli per la sua nota paura di volare, ha vestito la maglia nerazzurra per tre anni. Se si escludono gli otto gol in undici partite realizzati in Coppa Uefa nella stagione 1993/1994, Bergkamp non riesce mai a imporsi davvero nel calcio italiano.

Per questo motivo la dirigenza interista decide di cederlo all’Arsenal nel 1995, dove scriverà un pezzo di storia del club inglese. Tre Premier League vinte, oltre a quattro FA Cup e quattro Community Shield, sono la testimonianza più chiara della ferita lasciata da Bergkamp nel cuore dei tifosi interisti.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh