Focus

Inter, arriva anche il rinnovo di Ranocchia: la situazione attuale della difesa

È fatta per il rinnovo di Ranocchia, che resterà all’Inter anche nella prossima stagione. Ieri è stato definito l’accordo fino al 2022 con opzione per un ulteriore anno in nerazzurro (vedi articolo). Questa la situazione della difesa nerazzurra in vista del campionato 2021/22.

DE VRIJ E RANOCCHIA – L’Inter di Simone Inzaghi ripartirà dal 3-5-2, non ci sono dubbi in merito. La scelta è ricaduta su di lui proprio per dare continuità tattica al lavoro di Antonio Conte. Il perno centrale della sua difesa a tre rimarrà Stefan de Vrij, autore di una stagione eccezionale e al momento protagonista di un grande Europeo. Con il rinnovo di Andrea Ranocchia, abbiamo anche la certezza che sarà lui il vice del centrale olandese, come già avvenuto sotto la gestione Conte. Il difensore umbro si è fatto trovare pronto nelle occasioni in cui è sceso in campo e ha meritato il rinnovo con prestazioni solide, cancellando molte delle incertezze del passato. Fondamentale anche come ruolo nello spogliatoio.

SKRINIAR E D’AMBROSIO – Sul centro-destra della difesa agirà Milan Skriniar. Il centrale slovacco, reduce dall’eliminazione della sua Slovacchia, è uno dei punti di forza della rosa dell’Inter. Ora che si è calato interamente nella nuova realtà tattica, dopo le iniziali difficoltà nella difesa a tre, è diventato inamovibile. Quest’anno è stato importante anche in zona gol, su tutti quello contro l’Atalanta in un match decisivo per la classifica e il morale. A farlo rifiatare ci penserà Danilo D’Ambrosio, anche lui fresco di rinnovo automatico (per il momento solo unilaterale, ndr) per un altro anno come Ranocchia. Nella passata stagione ha palesato alcune incertezze difensive in un ruolo che non è propriamente il suo, ma con un’Inter impegnata in un difficile mercato, era impensabile un investimento in un ruolo già coperto.

BASTONI E MISTER X – Alessandro Bastoni e il suo educatissimo piede mancino difficilmente lasceranno il campo, se non costretti. Troppo importante il suo apporto in fase di costruzione della manovra. Conte ha deciso di puntare subito su di lui nonostante la giovane età e la sua scommessa è stata ripagata con grandi prestazioni. Lo scorso anno il suo sostituito è stato Aleksandar Kolarov, ma le prestazioni del serbo sono state ampiamente sotto la sufficienza. A differenza di Ranocchia, l’ex giocatore della Roma lascerà quasi sicuramente l’Inter (si parla di Bologna per lui, ndr – vedi articolo). Nella partita contro il Sassuolo, con Bastoni squalificato, Conte aveva schierato Matteo Darmian in quella posizione. Si era disimpegnato bene, vista la sua grande duttilità, ma rimane una soluzione di emergenza. Si era parlato di Stefan Radu, vecchia conoscenza di Inzaghi, ma è arrivato il rinnovo con la Lazio. Lorenzo Pirola dovrebbe rimanere al Monza, anche se ancora manca l’ufficialità (vedi articolo). Difficile capire su chi si punterà, al momento l’Inter è impegnata sul fronte uscite. Il rinnovo di Ranocchia permetterà alla società nerazzurra di concentrarsi sugli altri tasselli che mancano per completare la rosa quando inizierà anche il mercato in entrata.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button