Focus

In Udinese-Inter attaccanti poco incisivi: Inzaghi ha ancora un problema

Nemmeno in Udinese-Inter gli attaccanti nerazzurri sono riusciti a disputare una prestazione trascinante. Lautaro Martinez, Dzeko, Sanchez e Correa si sono distinti più per errori che per giocate positive.

MISSIONE FALLITA – Udinese-Inter era una partita con un profilo particolare. Forse unico. Questione di calendario, di tempi che stringono, di punti che pesano. E di una sconfitta dolorosa fresca fresca. Serviva quindi un messaggio, un segnale dal campo. Che è arrivato, ma non dagli uomini in un certo senso più attesi. Di sicuro da chi scrive. Vale a dire gli attaccanti.

ALIBI PARZIALI – Nemmeno con l’Udinese gli attaccanti, ossia i giocatori che per definizione sono chiamati a incidere in positivo sulle partite, hanno dato un contributo di peso. Lautaro Martinez è entrato nel tabellino, realizzando però di fatto in una sola azione tutti i suoi tiri. Per la precisione tre: il primo viene parato da Silvestri e poi porta al rigore. Che lui batte, sbaglia e poi segna sulla ribattuta. Non esattamente una prestazione indimenticabile, malgrado il gol. Per gli altri è andata anche peggio. Il migliore per contributo generale è stato Sanchez, che in 21 minuti ha messo insieme 22 tocchi, con 10 passaggi tutti realizzati. Questa è la mappa che li rappresenta, presa da Whoscored:

Il cileno è stato importante come riferimento offensivo negli ultimi minuti. Si è fatto vedere, ha difeso palla, gestito il gioco e ha anche messo l’esperienza nel cercare la bandierina. Da segnalare anche il contributo difensivo. con 3 recuperi. una respinta e una spazzata. Ribadisco, si parla di attenuanti generiche. Ma ora vediamo come hanno giocato Dzeko e Correa.

ERRORI INSPIEGABILI – Per farla breve, l’unico contributo positivo di Dzeko alla partita è stato il rigore. Dopo la bella parata di Silvestri su Lautaro, il bosniaco si getta sul pallone. A porta sostanzialmente vuota salta Marì e fa in modo di ottenere un rigore. Con un movimento così goffo che Chiffi non fischia, ma il VAR cancella l’errore. Oltre a questo, il numero 9 lo si ricorda per un gol divorato solo davanti al portiere, in modo quasi inspiegabile. Il 3-0 avrebbe chiuso definitivamente il match. Poco contributo al gioco malgrado i 33 palloni toccati. Insomma, una prova negativa con un solo lampo. Correa tutto sommato ha fatto anche peggio. L’argentino semplicemente non è riuscito a dare un contributo. 12 tocchi con 3 passaggi realizzati e un errore al confine dell’assurdo su un’occasione buona. Perché solo, in campo aperto, coi difensori alle spalle abbia deciso di passare la palla a Vidal chiaramente più avanti di lui non è comprensibile. Insomma, ancora una volta l’Inter ha vinto nonostante le sue punte. Inzaghi aspetta ancora una prova decisiva in Serie A anche solo da uno di loro.

 

 

 

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh