FocusPrimo Piano

Ginter come Onana: per la nuova Inter è un piano A praticamente obbligato

Ginter è il nome caldo per la difesa dell’Inter 2022/23. Il tedesco è uno dei parametri zero più interessanti nel suo reparto, praticamente un piano A di mercato al pari del portiere Onana

PORTIERE – Il mercato delle occasioni è già iniziato. E dal 1° febbraio sarà già possibile mettere nero su bianco. L’Inter ha messo gli occhi su André Onana, che è il portiere di maggiore talento e valore in scadenza di contratto a fine stagione. Il classe ’96 nigeriano dell’Ajax è senza alcun dubbio il colpo a zero più interessante tra i pali. L’alternativa, per qualsiasi squadra, potrebbe essere Thomas Strakosha, classe ’95 della Lazio che ha già alle spalle sei stagioni di Serie A. In questo caso, più dodicesimo che numero uno. Sulla stessa scia Mattia Perin, classe ’92 e panchinaro nella Juventus, che sta incontrando difficoltà nelle fasi di rinnovo. Chiaro che Onana sia la vera occasione da non perdere per l’Inter, a prescindere dal futuro di Samir Handanovic (vedi focus).

Ginter piano A sulla scia di Onana

DIFENSORE – Un discorso analogo può essere fatto per il tedesco Matthias Ginter, classe ’94 in uscita dal Borussia Monchengladbach e sicura prima scelta per l’Inter in difesa. Il piano B è sempre in casa Lazio, dove il classe ’97 Luiz Felipe non ha ancora rinnovato. Lo stesso può valere per un altro tedesco, il classe ’95 Niklas Sule del Bayern Monaco, ma è un target più difficile da raggiungere come il connazionale Antonio Rudiger e il danese Andreas Christensen, entrambi del Chelsea. In Serie A un’altra opzione può essere Alessio Romagnoli, che il Milan proverà a trattenere pur di non perdere a zero. Così come Onana, è evidente che Ginter sia il primo nome su cui puntare in casa Inter. Profilo internazionale Under-30 a parametro zero con ingaggio contenuto, pronto a fare il salto di qualità a Milano. Il suo futuro sarà nerazzurro?

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button