Focus

Esposito promosso da Conte: la strategia dell’Inter per il suo classe 2002

Esposito brucia le tappe senza rischiare di bruciarsi perché è un caso raro in cui piedi e testa vanno nella stessa direzione. Dopo aver convinto Conte, l’Inter si è decisa a dare una chance al suo attaccante classe 2002, che tornerà in Primavera solo per le “grandi occasioni”

ESPOSITO PER CONTE – Bastava poco per stupire tutti senza concorrenza in attacco, invece Sebastiano Esposito ha fatto di più: in questo pre-campionato ha convinto Antonio Conte a puntare su di lui come titolare fisso, non come tappabuchi. Perché Esposito, una volta rientrato (in anticipo) dalle meritate vacanze estive, si è messo sotto per giocarsi al meglio le chance di permanenza in Prima Squadra anche dopo il ritiro di Lugano, la tournée asiatica e l’ultima parte di preparazione alla stagione che verrà. Nelle gerarchie di Conte oggi Esposito è il centravanti titolare, ma domani sarà l’alternativa del nuovo numero 9 atteso a giorni ad Appiano Gentile (e la prima scelta del tecnico leccese è nota, ndr – vedi articolo). E oggi Esposito è a tutti gli effetti un giocatore dell’Inter, intesa come prima squadra, non Primavera, dove tornerà solo a giocare quando avrà bisogno di minutaggio da partita, come confermato da Conte stesso al termine di Tottenham-Inter (vedi articolo), ammesso che ciò avvenga vista la rosa attualmente cortissima in attacco…

GERARCHIE STRAVOLTE – L’Inter, infatti, ha messo sul mercato tutte le altre punte in rosa: a parte l’ormai noto separato in casa Mauro Icardi (che dovrà fare spazio al titolare), andranno via anche gli esuberi Samuele Longo, George Puscas, Facundo Colidio e probabilmente pure Eddie Salcedo. Perfino Matteo Politano è a rischio, così come Ivan Perisic, quest’ultimo “tappo” di Esposito in Prima Squadra: se il croato uscisse per permettere all’Inter il doppio colpo in attacco da affiancare all’unico confermato, Lautaro Martinez, non è da escludere la promozione totale dell’attaccante classe 2002 come quarto attaccante puro. Un ruolo che gli permetterebbe di essere sempre in panchina e giocare saltuariamente con l’Inter, non solo allenarsi quotidianamente con Samir Handanovic e compagni. Esposito ha fatto lo step inatteso, il salto più lungo del previsto: la Primavera (dilettantismo) è un lontano ricordo, l’Inter lo vuole subito in Prima Squadra (professionismo) per farlo maturare tatticamente, dato che mentalmente e tecnicamente è già un giocatore vero a differenza dei suoi coetanei (e non solo…). Complimenti, ragazzo.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh