Focus

Eriksen sulla strada di Skriniar: applicazione totale per l’Inter di Conte

Christian Eriksen sta scalando sempre più le gerarchie, dopo le numerose critiche e voci che lo volevano ormai lontano dall’Inter. Il danese, con grande professionalità e abnegazione, sta dimostrando di essere in grado di ritagliarsi il suo posto in questa squadra. Una parabola che ricorda il primo anno di Milan Skriniar con Antonio Conte.

PROFESSIONALITÀ E APPLICAZIONE – Se c’è un giocatore in questa Inter (senza fare torto agli altri) a cui va un plauso per la sua grande professionalità, quello è Christian Eriksen. Ricordiamo tutti il trattamento riservatogli internamente ed esternamente. Gli ingressi in pieno recupero, le numerose partite senza scendere in campo, le critiche esagerate di chi per primo dovrebbe commentare lucidamente e con imparzialità (leggasi: opinionisti e media). Ma anche le parole di Giuseppe Marotta, che già a fine dicembre lo aveva messo ufficialmente sul mercato. Mai una parola fuori posto. Forse qualche lamentela dal ritiro della Nazionale, ma sempre con molto rispetto nelle scelte di Antonio Conte. E adesso, la sua professionalità e la sua totale applicazione stanno iniziando a dare i loro frutti.

ITALIANO – Non è sfuggita agli occhi (anzi, alle orecchie) più attenti l’intervista di Eriksen all’intervallo di Inter-Lazio. Il danese ha comunicato in italiano, dimostrando già in questo tutta la voglia di studiare e di applicarsi al 100% senza lasciare nulla al caso. Ma anche un grande segno di rispetto verso il Paese, il campionato e i tifosi che lo hanno accolto ormai circa 13 mesi fa. Eriksen ha seguito proprio il consiglio del compagno di squadra Romelu Lukaku, che per primo gli aveva consigliato di imparare la lingua per facilitare la comunicazione con tecnico e compagni. Consiglio accettato.

ANALOGIE – Quella di Christian Eriksen di questo inizio 2021, ricorda un po’ la parabola di Milan Skriniar. Lo slovacco è stato protagonista nei suoi inizi in nerazzurro, dove si era tagliato il posto di colonna difensiva. L’arrivo di Antonio Conte e il passaggio alla linea a tre lo avevano messo in difficoltà, mettendo anche in discussione il suo posto da titolare. Ma anche il suo posto in squadra. Diverse voci vedevano lo slovacco partente, ormai inadatto alle richieste del tecnico nerazzurro. Anche qui, mai una parola fuori posto, tanto lavoro e una crescita costante che hanno riportato Skriniar ai suoi livelli, se non anche meglio. Lo stesso percorso intrapreso da Christian Eriksen.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh