Focus

Colidio fuori dai radar Inter, ma non unico fallimento controfirmato Sint-Truiden

Colidio non è ancora pronto per mettersi in gioco con la maglia nerazzurra dell’Inter. Nonostante il ritiro estivo con la Prima Squadra, il 21enne argentino non resterà a Milano. Peggio va all’altro ex Sint-Truiden in uscita e nemmeno preso in considerazione ad Appiano Gentile

INCOGNITA ARGENTINA – L’avventura di Facundo Coldio nell’Inter di Simone Inzaghi è finita appena dopo il suo inizio. L’attaccante argentino classe 2000 è riuscito a mettere a segno un gol nel primo “allenamento congiunto” di questo pre-campionato contro il Sarnico (vedi classifica marcatori), ma poi è sparito dai radar. Una manciata di minuti contro il Lugano (vedi pagelle) con rigore nella lotteria finale e niente più. Il futuro di Colidio non sarà di certo all’Inter ma ancora non si conosce la prossima destinazione. Avrebbe bisogno di giocare con continuità. Possibilmente in un campionato in cui formarsi dal punto di vista tattico.

MISTERO GRECO – Nelle stesse condizioni di Colidio – anzi, addirittura peggiori – c’è il compagno di avventura e squadra Georgios Vagiannidis, rientrato in Italia solo virtualmente. L’esterno destro greco classe 2001 non si sta allenando agli ordini di Inzaghi ed è considerato un esubero (vedi focus). Vagiannidis, proprio come Colidio, è tornato all’Inter dopo il fallimentare prestito al Sint-Truiden, in Belgio. Giocando fuori ruolo, Colidio è riuscito a mettere insieme due gol. Vagiannidis solo due… minuti. Un doppio prestito da dimenticare per i due giovani calciatori dell’Inter. In attesa di capire la decisione presa per il prosieguo della loro carriera. Si prospetta un altro prestito per entrambi, visto che i contratti in essere sono ancora lontani dalla scadenza (Colidio 2023, Vagiannidis 2024). E chissà che nel 2022 possano rientrare alla base senza aver perso un altro anno di crescita…

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button