Chiesa spacca, l’Inter studia: idolo Nazionale o asta folle?

Articolo di
8 settembre 2018, 21:23
Federico Chiesa Italia

Nel match di ieri sera della Nazionale italiana contro la Polonia, Federico Chiesa si è messo nuovamente in luce. Il calciatore della Fiorentina, entrato a partita in corsa, ha fatto la differenza con i suoi strappi. Tutte le big di Serie A, tra cui l’Inter, studiano il colpo: analizziamo le prospettive di mercato

Nazionale, conferma Chiesa: è lui il talento per l’Inter?

Nell’ultima sessione di mercato, l’Inter ha messo a segno diversi colpi importanti. In attacco i nerazzurri si sono rinforzati con Politano e Keita Baldé, ma restano comunque vigili su Federico Chiesa. Tutte le big del panorama italiano sembrano pronte a darsi battaglia per l’esterno e sono pronte a grossi sacrifici economici. Chiesa è un calciatore decisamente raro nel panorama italiano attuale: salta regolarmente l’avversario, fa gol, regala assist ed è giovanissimo. Contro la Polonia ha cambiato la partita, dando ulteriore conferma delle sue qualità.

Chiesa-Inter, c’è un campionato davanti. Al top in Nazionale

In una Nazionale a secco di qualità, l’attaccante della Fiorentina rappresenta una boccata d’aria. Il talento fa impazzire i tifosi che lo reclamano a gran voce dal primo minuto, per l’Italia è la speranza di un attacco decisamente avaro di talento. L’Inter non può che osservare la crescita del ragazzo, capace di svolgere tutti i ruoli del 4-2-3-1 di Spalletti. E proprio il tecnico di Certaldo potrebbe essere uno degli sponsor per l’arrivo di Chiesa: rappresenta, infatti, uno dei suoi prototipi di calciatore se consideriamo la facilità di corsa, il dinamismo e l’intelligenza tattica. I dettagli economici non sembrano assecondare l’interesse nerazzurro: la valutazione è altissima, la concorrenza folta e la Fiorentina non vuole privarsene. L’asta che sta per scatenarsi potrebbe costringere a svenarsi chi davvero acquisterà il calciatore: l’Inter dovrebbe correre il rischio per un talento come Chiesa? La decisione non sarà imminente, c’è un’intera stagione da giocare e chi sa che i risultati sul campo non possano incentivare i nerazzurri al grande colpo.







ALTRE NOTIZIE