Focus

Calhanoglu in orbita Inter, dove potrebbe giocare il turco in nerazzurro?

L’Inter sembra essere vicina ad assicurarsi Calhanoglu a parametro zero. Il turco come ha giocato al Milan? E cosa potrebbe fare in nerazzurro?

OCCASIONE DI MERCATO – Le ultime notizie di mercato danno l’Inter interessata a Calhanoglu. Il numero 10 del Milan è in scadenza di contratto e quindi potrebbe arrivare a parametro zero. Non un dettaglio da poco per una squadra in difficoltà economiche e col problema concreto di dover reperire un’alternativa a Christian Eriksen (e no, Nainggolan non è un’opzione). Il turco insomma è un’occasione, che si presenta adesso e in caso va colta in tempi brevi. Ma come si collocherebbe nell’Inter?

QUALITA’ E QUANTITA’ – Calhanoglu, come noto, è un trequartista. Nai suoi primi anni al Milan ha coperto anche altri ruoli, ma ha trovato la sua vera dimensione giocando dietro la punta nel 4-2-3-1. In questa stagione è stato uno dei migliori tra i rossoneri, il terzo in assoluto secondo i rating di Whoscored dopo Ibrahimovic e Hernandez (ma praticamente alla pari col terzino, 7,28 di rating contro 7,27). Un titolare di Pioli come testimoniano le 43 presenze stagionali per totali 3348 minuti (quarto per minutaggio dopo Donnarumma, Kessié e Hernandez). Soprattutto il riferimento assoluto del gioco dalla trequarti in su, viste le molte assenze di Ibra. Questa è la sua heatmap stagionale presa da Sofascore:

Il turco si è trovato di fatto a giocare su tutta la trequarti offensiva. Pur partendo nominalmente come trequartista centrale. Proprio il suo dinamismo va sottolineato: in casa Milan solo Kessié ha più km percorsi a gara. Calhanoglu ha fornito grande equilibrio ai rossoneri, diventando anche arma tattica di Pioli in certe gare (come al ritorno contro la Juventus, quando ha giocato largo a sinistra). Cosa che testimonia anche la sua intelligenza in campo. Oltre a questo però il numero 10 è un elemento deputato a portare qualità. E lo ha fatto. Calhanoglu è stato il migliore del Milan negli assist, con 9. Terzo in tutta la Serie A. Ma in campionato è anche quarto assoluto per passaggi chiave, con 28. Quarto tra i rossoneri per occasioni da gol, primo per tiri con 4 gol segnati. I passaggi medi a gara sono 41,7. In sostanza il creatore di gioco della squadra.

INTERNO ALLA LUIS ALBERTO – L’Inter, impostata col 3-5-2, non ha un ruolo preciso per il rossonero. Ma il suo adattamento naturale è da interno sinistro, come visto appunto con Eriksen. Chiaramente non è abituato a fare il mediano di regia, come ha fatto negli ultimi mesi dal danese, in un’interpretazione molto bloccata. Ma con Inzaghi in panchina Calhanoglu potrebbe avere un’evoluzione stile Luis Alberto. Interno di qualità, con licenza di inventare in fase offensiva. A volte rifinitore dietro la prima punta. Magari in un’interpretazione un filo più fisica e diretta. Le capacità tattiche e la corsa non gli difettano. In più conosce già il campionato. Un’occasione per tutti, anche stuzzicante per prospettive.

 

 

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button