Focus

Bologna-Inter, Handanovic può avvicinarsi al record di Bordon 79/80

Handanovic in Bologna-Inter potrebbe avvicinarsi tantissimo al record di imbattibilità di Bordon. Sarà fondamentale uscire indenne dal Dall’Ara

IMBATTIBILITÀBologna-Inter per iniziare al meglio il 2022 con una vittoria e con l’ennesima porta imbattuta. Sarà questo il duplice obiettivo di capitan Samir Handanovic, reduce da sei clean sheet consecutivi e da un minutaggio di imbattibilità pari 552 minuti. L’ultima rete presa dal portiere sloveno con la maglia dell’Inter è stato al minuto 78′ del 21 novembre scorso (Inter-Napoli 3-2). Da lì in avanti, la difesa nerazzurra è diventata imperforabile per qualsiasi avversaria. Nell’ultimo mese del 2021, infatti, l’Inter è stata in grado di segnare 17 gol subendone zero. Numeri che hanno permesso alla squadra di Inzaghi prima di accorciare in classifica e poi di prendere il volo sulle rispettive rivali Milan e Napoli.

AVVICINARSI − In Bologna-Inter, Handanovic potrebbe avvicinarsi a Ivano Bordon. Il portiere del dodicesimo tricolore interista (1979/80) detiene il record di numero uno nerazzurro con più minuti di imbattibilità, 686. Nel caso in cui, l’Inter dovesse terminare la gara senza subire gol Handanovic si avvicinerebbe minacciosamente a quel numero. La sola gara del Dall’Ara non sarà utile al capitano interista ma ottenere il settimo clean sheet di fila sarà importante per due motivi. Il primo, per dare continuità al già record personale raggiunto (nessun portiere in questa Serie A ha ottenuto quattro e oltre porte inviolate consecutive) e il secondo per avvicinarsi proprio a Bordon in vista di Inter-Lazio. Infatti, se in Bologna-Inter Handanovic dovesse chiudere la gara senza gol subiti andrebbe a circa 642′ (senza recupero) di imbattibilità, a soli 44′ dal record del ex portiere. Insomma, passando indenne la trasferta emiliana il traguardo diventerebbe sempre più tangibile.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button