Focus

Barcellona e Tottenham in semifinale di Champions: Inter, capito dov’eri?

Saranno Ajax-Tottenham e Barcellona-Liverpool le semifinali di Champions League (vedi articolo), e il primo dato che balza all’occhio dei tifosi dell’Inter è che due delle quattro che si giocheranno il torneo sono state sfidate dai nerazzurri in questa stagione. Il Gruppo B, quello in cui la squadra di Luciano Spalletti fino all’ultimo ha provato a qualificarsi agli ottavi, ha prodotto metà del meglio del calcio europeo, e a questo punto il rimpianto per come sono andate le cose ad agosto è grande. Ma c’è una (doppia) lezione da imparare.

SORTEGGIO MALEDETTO – Lo scorso 30 agosto, nel sorteggio della fase a gironi di Champions League a Monte-Carlo, l’Inter era rimasta con tre opzioni per essere sorteggiata: Gruppo A (Atlético Madrid, Borussia Dortmund e Monaco già presenti), Gruppo B (con le due semifinaliste e il PSV Eindhoven, che va ricordato ora in Eredivisie è a pari punti con l’Ajax squadra del momento) e Gruppo D (Lokomotiv Mosca, Porto e Schalke 04 sorteggiate). La mano di un ex nerazzurro, Diego Forlan, ha pescato il Galatasaray e l’ha messo nel Gruppo D, il girone barzelletta, con il successivo accoppiamento che ha portato l’Inter in quello che a questo punto si può definire il gruppo della morte, con Barcellona e Tottenham. Una sfortuna incredibile, che si spiega in buona parte con una motivo: quarta fascia.

ERA TUTTO NELLE NOSTRE MANI – E pure l’Inter è andata vicina a far fuori una delle due semifinaliste di Champions League, il Tottenham: sarebbe bastato battere il PSV Eindhoven aritmeticamente ultimo all’ultima giornata, l’11 dicembre, ma al Meazza come al solito i nerazzurri si sono complicati la vita, andando sotto per la sesta volta su altrettante partite europee e riuscendo solo a pareggiare con Mauro Icardi. Quello che dà più fastidio è che, oltre all’errore di Lautaro Martinez nel recupero, per una decina di minuti dopo il pari a San Siro sia andata in scena una sorta di passeggiata, con l’Inter che faceva girare il pallone anziché affondare e trovare il 2-1, “tranquilla” che in contemporanea gli Spurs stavano perdendo al Camp Nou. Invece, complice anche l’ampio turnover del Barcellona (chissà che non si penta di questa cosa…), allo scadere Lucas Moura ha trovato l’1-1 e mandato fuori l’Inter, che ha proseguito in maniera dimenticabile la sua campagna internazionale in Europa League con enorme rammarico.

COME SI RISOLVE? – Ecco, da questa situazione c’è una possibilità di uscita: intanto qualificarsi alla prossima Champions League (servono al massimo tredici punti, su diciotto disponibili dalle ultime sei giornate di Serie A, ma già vincere sabato contro la Roma metterebbe la strada in discesa), poi avere un po’ di fortuna con le altre qualificate e ottenere l’ingresso in terza fascia, che con le classifiche di oggi sarebbe possibile ma fra un mese bisognerà vedere con quelle definitive. Ci sarebbe stata una strada più facile, ossia vincere l’Europa League: avrebbe portato la prima fascia automatica, ma purtroppo le cose sono andate come ben sappiamo contro l’Eintracht Francoforte, chiudendo con i Primavera Davide Merola e Sebastiano Esposito in attacco fra infortunati, squalificati e autoesclusi. Ora l’Inter deve solo fare il suo, ossia chiudere la qualificazione, poi nel caso si potranno studiare le possibili avversarie e la griglia. Sperando che ad agosto l’eventuale sorteggio dei gironi sia meno sfortunato, e soprattutto facendo in modo di migliorare il proprio ranking nei prossimi anni (basta stagioni senza andare in Europa, ecco cosa portano) e di imparare un’altra lezione, ossia non accontentarsi del pari quando c’è da vincere.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh