Ausilio rischia di essere privato di una sua “carta”: assist all’Inter Primavera?

Articolo di
19 marzo 2019, 23:41
Piero Ausilio

Ausilio dovrà inventarsi un altro modo di far mercato, soprattutto se non potrà contare su una delle carte utili per trattare i giovani in uscita: paradossalmente, la novità può essere vista positivamente per i migliori talenti dell’Inter Primavera oppure no?

NIENTE RECOMPRA – La proposta del Presidente della FIGC, Gabriele Gravina, sull’abolizione della “recompra” (vedi articolo) – o più facilmente intuibile con il nome italianizzato di “diritto di riacquisto” – con effetto immediato rischia di stravolgere nuovamente gli equilibri del calciomercato italiano. Nelle ultime sessioni, infatti, la cessione di alcuni giovani della Primavera a titolo definitivo (by-passando così il prestito con diritto di riscatto e contro-riscatto una volta abolite le comproprietà, ndr), per fare una plusvalenza immediata, è stata fatta a cuor più leggero potendo inserire il “paracadute” rappresentato proprio da questo diritto: poter riacquistare a prezzo maggiorato, mantenendo però la precedenza e quindi la priorità, un proprio giocatore, magari cresciuto per anni nel vivaio giovanile e divenuto ex solo di passaggio. Una pratica di mercato utilizzata anche da Piero Ausilio una volta ufficializzata la cosa, ma adesso c’è il rischio di un dietrofront nazionale. Stop alle cessioni con “recompra” quindi: con i migliori talenti della Primavera l’Inter di Ausilio (e Beppe Marotta, ora…) opterà per la cessione definitiva o per il prestito secco? Bel quesito, aspettando l’ufficialità e poi la sessione estiva del mercato…

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE