Focus

3 appunti su Inter-Bologna: torna Brozovic, letture sbagliate, mancanza di leadership

La rubrica “3 appunti” pone l’attenzione su tre aspetti singolari di una partita. La prestazione di un singolo giocatore, una rete, o un dato statistico: tre cose da porre in risalto. L’unico aspetto positivo di Inter-Bologna è il ritorno di Brozovic al centro del gioco. Però una presenza non abbastanza forte per colmare il vuoto di leadership di questa rosa, che perde 3 sanguinosi punti a causa di errori di lettura.

1. BROZOVICInter-Bologna vede il ritorno di Marcelo Brozovic dal 1′. Il numero 77 prende da subito possesso delle redini della manovra nerazzurra, spegnendo la nostalgia provata da compagni, allenatore e tifosi. Brozovic gestisce il gioco a modo suo, cucendo i lembi della manovra dell’Inter: 64 tocchi e 40 passaggi riusciti, con una precisione dell’88,6% (dati rilevati da SofaScore). Il metronomo croato è – assieme a Nicolò Barella, assente ieri – imprescindibile per questa Inter, e si è visto. Se in forma e lucido, con compagni che si muovono in modo sinergico, è in grado di elevare lo sviluppo della manovra, dando velocità e favorendo verticalità verso Christian Eriksen e gli attaccanti.

2. LETTURE – La sconfitta dell’Inter contro il Bologna arriva per letture palesemente sbagliate da alcuni elementi della rosa. La manovra degli uomini di Sinisa Mihajlovic non è avvolgente e triturante, tuttavia il tridente rossoblu è veloce e, all’occorrenza, ficcante. L’errore più palese arriva in occasione del secondo gol emiliano, dove Danilo D’Ambrosio sale incomprensibilmente a pressare il portatore di palla. Un movimento che lascia Musa Barrow libero di colpire in piena area. Per non parlare dell’errore di Roberto Gagliardini, che non riesce a rinviare correttamente il pallone nell’azione che porta all’1-1. Tanti errori, soprattutto di movimento (di cui avevamo già parlato), non più giustificabili a questo punto della stagione.

3. SENZA LEADER – L’altra sensazione amara rilasciata da Inter-Bologna è l’assenza di un vero leader. A suo modo lo è Romelu Lukaku, che lascia il rigore del possibile 2-0 all’amico Lautaro Martinez: ma non è abbastanza. Nel momento più delicato della partita, nessun elemento in campo sembrava in grado di prendersi la responsabilità di scuotere i compagni e trascinarli verso i 3 punti. Questo è un elemento di cui si dovrà tenere conto nel prossimo mercato, perché anche la lacuna di carisma va assolutamente colmata.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh