Extra Inter

Mancini: “Italia, spero che i giovani giochino di più. La Serie A…”

Roberto Mancini, commissario tecnico dell’Italia, ha partecipato in Arabia Saudita a un incontro con gli allenatori del posto. Si è quindi discusso inevitabilmente dei tanti talenti italiani e della Serie A

In Serie A qualcosa sta cambiando a livello di gioco. E’ una cosa positiva anche per lei? La Serie A tornerà grande?
Il campionato di Serie A è stato fino agli anni ’90 il più bello del mondo perché lì giocavano i più forti. È strato bello e appassionante, poi c’è stata la crisi e l’appeal è calato. Il campionato inglese è cresciuto e così anche altri torneo in Europa. Lavorare in una Nazionale è diverso da allenare un club perché non si hanno i giocatori tutti i giorni, ma quando ho accettato questo lavoro lo sapevo… La speranza è che gli italiani giochino sempre di più: adesso la percentuale non è molto alta, ma speriamo che cresca. Il livello comunque sta migliorando e questo è positivo.

Vedere Verratti, Sensi, Jorginho, Barella, Tonali e Zaniolo in un centrocampo giovane come quello dell’Italia è stata una bella scommessa che lei ha vinto.
Chi fa l’allenatore deve credere nelle proprie qualità e pensare in modo positivo. Ho preso la Nazionale in un momento delicato e ho pensato che l’unico modo per uscire da una situazione difficile era puntare sui giovani, anche con poca esperienza, ma tecnicamente bravi. Volevo riavvicinare i tifosi alla Nazionale ed è andata bene. Sono stati bravi i ragazzi che hanno trovato una buona coesione e hanno iniziato a giocare bene. Poteva anche andare male, ma io ho creduto in questi ragazzi e loro sono stati bravi. È andato tutto bene.

Ha allenato l’Inter, il Galatasaray, la Nazionale… Cosa è importante per un tecnico per decidere di accettare un incarico, magari difficile?
L’Italia mi ha preso perché ero rimasto solo io (ride, ndr). Allenare la Nazionale è bello e importante, un grande onore. Non è semplice e banale arrivare su quella panchina e ho creduto molto nelle possibilità dei ragazzi che volevo chiamare. Le cose difficili sono le più belle da risolvere per me. Quando si fa una scelta si fa perché è una bella sfida da vincere, altre perché c’è un bel progetto del club, per costruire qualcosa che rimanga. A volte invece si può andare all’estero per fare un’esperienza diversa come ho fatto io.

Fonte: Andrea Ramazzotti – Corriere dello Sport.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh