La Lega Serie A sullo stop agli stipendi cerca un fronte europeo – CdS

Articolo di
22 Marzo 2020, 10:31
Paolo Dal Pino presidente Lega Serie A
Condividi questo articolo

Il “Corriere dello Sport” spiega la questione stipendi. La Lega Serie A cerca l’appoggio delle altre leghe europee per trovare una soluzione.

PRIMO PASSO – L’idea di sospendere il pagamento dello stipendio di marzo è stata solo una prima mossa. Un modo per smuovere le acque e per aprire un fronte. Anche perché, all’atto pratico, non cambia nulla per i club, tenuto conto che la scadenza per quella mensilità e la fine di maggio. In realtà, dietro questo passo c’è un disegno più ampio che ha come obiettivo allargare quello stesso fronte anche al resto dell’Europa, creando un asse con le altre Leghe, a partire da quelle più importanti, ma coinvolgendo anche le più piccole. Non a caso, a tirare le fila in questo sono i grandi club, vale a dire quelli che hanno i campioni, a cui versano ingaggi elevatissimi. E, infatti, i primi riscontri concreti sono arrivati da Real Madrid e Barcellona: non poteva essere altrimenti visto che il club catalano, ad esempio, tocca quota 500 milioni per il pagamento del personale.

PROBLEMI BUROCRATICI – Già, ma l’obiettivo finale quale di questa iniziativa quale potrebbe essere? Tenuto conto che a marzo, almeno in parte, si è giocato, e quindi per quella parte andrà pagato, aggiungendo le mensilità complete di aprile, maggio e giugno, il taglio agli ingaggi potrebbe aggirarsi tra il 25 e il 30%. Attenzione, però, perché il calciatore è un lavoratore autonomo dipendente e le normative in vigore impediscono di bloccare gli stipendi. Si può solo smettere di pagarli…

SERVE AGIRE INSIEME – Serve un movimento comune per portare avanti questa istanza e per sostenere che è una criticità che riguarda tutti i campionati e i tutti i club. Ferma restando la diversità delle varie realtà, perché tra i vari paesi europei esistono, tanto per cominciare, fiscalità diverse e trattamenti pensionistici diversi. Insomma, servirà anche un lavoro di sintesi, ma occorre muoversi in maniera coordinata. Inevitabile che, se si vorrà precedere in questa direzione, il compito di individuare un minimo comune denominatore spetterà alla Epfl, ovvero l’organismo che rappresenta tutte le Leghe. E non all’Eca, che invece raccoglie i club che partecipano alle competizioni continentali.

QUESTIONI DA SISTEMARE – Rimanendo in ambito italiano, le resistenze sono già scattate. La linea dell’Aic è quella di attendere una valutazione complessiva delle perdite a cui andrà incontro il calcio a causa del coronavirus, per poi stabilire in che misura dovranno contribuire i calciatori. In sostanza, c’è la disponibilità al sacrificio, ma non è ancora il momento di fare calcoli. Anche dalla Federazione è stata confermata la sensibilità al problema. Tuttavia non è stata gradita la mossa dell’altro giorno della serie A, ritenuta una forzatura. Ma forse questo passo è stato fatto proprio, come già premesso, in maniera strategica, per attivare un processo a raggio molto più ampio. Tanto che anche gli interlocutori, se si dovesse procedere in questa direzione, potrebbero cambiare o allargarsi, arrivando alla Fifpro, ovvero l’ente che rappresenta tutti i giocatori del mondo, e di conseguenza anche all’Uefa. Già perché, nella visione dei club, è impensabile che l’organismo europeo non dia il suo contributo su questo tema, limitandosi a pretendere dalle varie Federazioni un sostegno per compensare le perdite legate allo spostamento dei Campionati Europei. Piuttosto dovrebbe intervenire attraverso una serie di ammortizzatori sociali per sostenere un sistema destinato ad entrare in crisi.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE