I club A discutono con l’Aic sugli stipendi, la situazione – CdS

Articolo di
18 Marzo 2020, 10:08
AIC logo
Condividi questo articolo

Il “Corriere dello Sport” scrive che le società di Serie A hanno iniziato a discutere con l’Aic per il problema stipendi.

SACRIFICIO – Le società di A hanno prospettato ai giocatori la possibilità di un taglio degli stipendi per recitare la loro parte in questo momento di crisi. E’ successo ieri durante la riunione del tavolo “sindacale” al quale hanno partecipato per i club Lotito (Lazio), Giulini (Cagliari), Marino (Atalanta) più alcuni tecnici e avvocati di altre squadre, l’ad De Siervo per la Lega, Calcagno e Grazioli per l’Aic. L’idea di chiedere un aiuto ai calciatori i proprietari l’hanno tramutata in fretta in realtà. Anche perché le stime sulla perdita della Serie A sono alte: 720 milioni se il campionato non fosse concluso, almeno 150-160 (più altri 40-50 che la Uefa non darebbe ai club partecipanti alle coppe) se invece terminerà in ritardo e a porte chiuse.

DIALOGO APERTO – Senza gli incassi derivanti dal botteghino molte società stanno attraversando un momento difficile a livello di liquidità. Non tutte hanno provveduto a saldare gli stipendi di gennaio e febbraio, ma questa non è comunque una situazione nuova: è successo anche in passato e poi tutti sono stati regolarmente pagati. Per ottenere le liberatorie necessarie per l’iscrizione ai prossimi campionati bisogna procedere al saldo di gennaio, febbraio e marzo entro il 31 maggio, a quello di aprile e maggio entro il 22 giugno. C’è ancora tanto tempo, ma i presidenti hanno voluto iniziare subito un dialogo. Hanno ribadito che loro una perdita importante la sosterranno comunque, anche se il torneo si concluderà. Al momento non è stato ipotizzato un taglio in termini di percentuale degli ingaggi: un’idea più precisa l’avremo tra una settimana quando nel corso di una nuova riunione del tavolo “sindacale” i proprietari forniranno ai rappresentanti dell’Aic un prospetto più dettagliato e articolato. Cosa hanno risposto ieri i rappresentanti dei calciatori? Non c’è stata una chiusura netta al dialogo e non siamo già al muro contro muro, ma in questo momento il sindacato vuole prima di tutto individuare una data comune per la ripresa degli allenamenti e capire quando si tornerà a disputare gare ufficiali.

RISCHIO FUGA – E’ chiaro che un taglio dello stipendio potrebbe portare qualche campione presente in A a fare riflessioni sul suo futuro in Italia e questo non sarebbe un bene per il movimento. L’Aic ha intenzione di parlare del tema nel corso di un prossimo direttivo che analizzerà tutti gli scenari. Se la A non finisse il danno per i club sarebbe di circa 720 milioni (contro i 770 ipotizzati dalla Bundesliga e i 680 dalla Liga); se invece si concludesse in ritardo, molto di meno, circa 150-160 milioni ai quali ne andrebbero aggiunti altri 40-50 “cancellati” dalla Uefa per i tagli alle coppe europee. Certi numeri saranno trasmessi alla Figc per chiedere un aiuto al governo sommando le richieste di B, Lega Pro e Lnd.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE