Guardiola: “Io alla Juventus? Avevate informazioni sbagliate! L’Atalanta…”

Articolo di
6 novembre 2019, 23:54
Guardiola Gundogan
Condividi questo articolo

Guardiola ha parlato ai microfoni di “Sky Sport” al termine di Atalanta-Manchester City (VEDI articolo), rispondendo in maniera secca anche alle voci che lo volevano alla Juventus la scorsa estate

ATALANTA-MANCHESTER CITY – Di seguito l’analisi di Pep Guardiola sulla partita pareggiata a San Siro dal suo Manchester City: «Se mi era mai capitato di schierare in novanta minuti tre portieri? No! Un po’ di paura dopo l’espulsione di Claudio Bravo? Senz’altro, quando un giocatore gioca da portiere mancando dieci minuti con tanti attaccanti in campo puoi pensare il peggio. Ma abbiamo reagito bene subendo solo un tiro in porta in quel periodo. Niente, Josip Ilicic ha fatto molto bene a lasciare la gamba con Claudio Bravo! Sì, è rosso, tocca il portiere che è l’ultimo uomo quindi non c’è dubbio. In quel momento un giocatore deve decidere in un millesimo di secondo quello che deve fare. Loro sono molto aggressivi uomo contro uomo, se perdi il pallone sono molto pericolosi e volevamo portare la palla fuori prima. Abbiamo sbagliato poche cose in questo senso, credo che il risultato è molto buono. Gli italiani conoscono l’Atalanta meglio di me e cosa è capace di fare. Sono grintosi, è difficilissimo trovare una squadra che gioca in questa maniera. Il primo tempo dovevamo chiuderla, ma va bene così. A volte va bene non vincere tutte le partite. Ederson era un po’ infortunato, altrimenti non l’avrei sostituito. Ho fatto cazzate nella mia vita, ma mai cambiare un portiere quando non c’è un infortunio (ride, ndr). In questa competizione non si sottovaluta nessuno, guardate i risultati delle grandi squadre che sono successi ieri (probabile riferimento al Barcellona, ndr). Era impossibile sottovalutare l’Atalanta e le italiane sanno perfettamente che fare 4 punti con loro è molto buono per noi».

IN ITALIA? – Guardiola poi risponde alla fatidica domanda su un possibile futuro in Italia: «Se mi vedrete mai allenare in Italia? Forse, sì è possibile. Sarebbe un piacere venire in Italia. Ho giocato con Fabio Capello e Carlo Mazzone al Brescia, mi sono trovato molto bene in questo paese. Ma devo dire che adesso non ho in mente di farlo, sto molto bene in Inghilterra dove c’è un campionato strepitoso con amore del gioco. Ma forse, non sono così vecchio ancora. Avevate pensato che arrivassi quest’anno (alla Juventus, ndr)? Avevate informazioni brutte, sbagliate. Dovete fare meglio il mestiere di giornalista (ride, ndr)!».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE