Cori razzisti, FIGC cambia iter sospensione partite: ridotto numero richiami

Articolo di
30 Gennaio 2019, 15:29
Condividi questo articolo

Il consiglio federale della FIGC cambia l’iter per la sospensione delle partite in caso di cori razzisti, come successo a Kalidou Koulibaly il 26 dicembre a San Siro durante la sfida tra Inter e Napoli: ridotto il numero di richiami, mentre rimane invariata la competenza esclusiva del responsabile di pubblica sicurezza. Di seguito i dettagli

CAMBIA L’ITER – La FIGC ha deciso di modificare l’iter per la sospensione temporanea delle partite in caso di cori razzisti: al primo richiamo le squadre si raduneranno al centro del campo insieme all’arbitro, al secondo richiamo – piuttosto che al terzo, com’era in precedenza – le squadre rientreranno temporaneamente negli spogliatoi. Ciò che rimane invariata è la competenza esclusiva del responsabile di pubblica sicurezza per quanto concerne la sospensione definitiva del match.




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.