Extra Inter

Caputo: “Serie A? Noi calciatori vogliamo ripartire. Scudetto? Juventus”

Il “Corriere dello Sport” ha intervistato in esclusiva Francesco Caputo, attaccante del Sassuolo. La ripresa della Serie A e l’impatto del coronavirus sul mondo del calcio tra i temi toccati

SPERANZA – Francesco Caputo aveva lanciato il messaggio più bello, ormai un mese fa. Dopo la prima rete, messa a segno nel match contro il Brescia, aveva esposto davanti alle telecamere il famoso cartello “Andrà tutto bene, restate a casa“. Da quel giorno ne è passata di acqua sotto i ponti. Il calcio è alle prese con un’emorragia profonda, che ha fatto tornare a galla antiche carenze strutturali. In più, ben 16 calciatori di Serie A sono stati trovati positivi al COVID-19: «La cosa più importante è che nessuno abbia avuto problemi gravi. Intendo niente ricovero in ospedale e nessun rischio di vita. Forse il modo in cui curiamo il nostro fisico, l’attività sportiva, i controlli e la vita sana hanno permesso a noi giocatori di limitare gli effetti del virus».

VOLONTÀ FERREA – Sulla possibilità di riprendere la Serie A nel mese di maggio ci sono pareri discordanti: «L’idea che tutti noi calciatori abbiamo è quella di concludere il campionato. Anche in estate. Ci dovranno essere le condizioni, ma prendendo le dovute precauzioni sia per noi che per le persone che lavorano nel calcio, credo sia giusto arrivare alla fine. Se il campionato tornerà, il messaggio sarà positivo per tutto il Paese. Magari giocare a porte chiuse non sarà il massimo, ma ripartire vorrà dire aver compiuto il primo passo verso il ritorno alla normalità».

SERRARE I RANGHI – Concludere la stagione a porte chiuse sembra necessario, ma certamente stringerà il cuore di molti appassionati: «Andare allo stadio è gioia e per noi calciatori vedere i tifosi sugli spalti è bello. Inizialmente immagino che ci saranno un po’ di timori da parte della gente, ma non appena si potrà tornare a fare il tifo in condizioni sicure, il clima attorno alle partite sarà di nuovo avvincente».

BAGARRE – Provando a parlare di campo, c’è ancora una lotta scudetto ad infiammare le folle: «La Juventus è sempre la squadra più forte del torneo e che lo sta dimostrando sul campo, ma la formazione che mi ha impressionato di più è la Lazio. Sono un grande estimatore di Ciro Immobile, un attaccante che sta facendo cose super. Complimenti pure all’Atalanta che ha avuto un percorso formidabile sia in Italia sia in Europa. Ogni anno che passa mi impressiona sempre di più».

Fonte: Corriere dello Sport – Andrea Ramazzotti

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.