Esclusiva Inter-News.it

ESCLUSIVA IN – M. Altobelli: «Inter, tutto perfetto. Lukaku? Vale 150 milioni!»

Mattia Altobelli, figlio del grande “Spillo” ed ex giocatore del vivaio Inter, è stato ospite di “Weekchat”, appuntamento settimanale con la redazione di Inter-News.it. In una lunga chiacchierata (vedi primo estratto), ha commentato anche la vittoria dello Scudetto da parte dei nerazzurri (QUI la diretta in differita).

SCUDETTO PERFETTOMattia Altobelli racconta come ha festeggiato la vittoria del diciannovesimo Scudetto da parte dell’Inter. Ecco le sue parole: «Le partite le guardo a casa di un amico juventino. E sabato, dopo la vittoria col Crotone, ho pensato che l’avremmo vinto domenica dal divano. Quest’anno va così, succedono cose strane. E infatti domenica sono andato di nuovo da lui, e quando abbiamo vinto ho festeggiato il doppio. È stato il percorso perfetto di una squadra perfetta: siamo stati un rullo compressore. Qui a Brescia ho festeggiato mentre andavo a prendere le pizze (ride, ndr)».

PROSSIMI IMPEGNI – L’Inter dovrà giocare altre quattro gare di campionato, tra cui i big match contro Roma e Juventus. Sarà l’occasione per vedere in campo qualche riserva? Altobelli la vede così: «Giusto dare spazio a tutto il gruppo della prima squadra. Un campionato non lo vincono solo titolari, ma conta anche l’armonia fuori dal campo. Quando tutti vanno nella stessa direzione si raggiunge l’obiettivo. Diciamoci la verità: l’unica partita in cui vedremo l’undici migliore è contro la Juventus, per mille motivi. In questo momento, però, chi ha tirato la carretta potrebbe scaricarsi. Solo il mister può capire chi ha voglia di giocare queste partite. Credo che sabato sia giusto premiare chi ha giocato di più. Non farei turnover massiccio, perché un conto è finire a +1 e un altro a +10. Sono sicuro che anche Antonio Conte, se può fare dodici punti, cercherà di farne dodici».

UOMINI COPERTINA – Altobelli sceglie due protagonisti assoluti nel diciannovesimo Scudetto dell’Inter: «La copertina la merita Antonio Conte. Perché ha dato un cambio di mentalità che all’Inter non avevamo dal 2010. Abbiamo avuto allenatori che, a pensarci oggi, non si dorme la notte. Conte ha alzato il livello di tutti: significa che tutti hanno fiducia nell’allenatore e tutti lo seguono al 100%. Subito dopo di lui metto ovviamente Romelu Lukaku. È stato un trascinatore, è dominante: anche lui si è fidato al 100% dell’allenatore, che gli ha dato in mano la squadra. Non ha mai rinunciato a giocare, non si è mai tirato indietro. Se lo merita, visto che era stato accolto dal calcio italiano con scetticismo. ‘Vale davvero 80 milioni?’ ce lo ricordiamo tutti. Probabilmente avevamo ragione: non ne vale 80 ma 150. È l’uomo che ha fatto migliorare tanto gli altri».

QUALITÀ DANESE – Altobelli esprime poi alcune considerazioni su due centrocampisti nerazzurri, che in stagione hanno vissuto fortune alterne. Ecco le sue parole: «Christian Eriksen? A dicembre la cosa migliore sembrava separarsi. Poi c’è stata la sliding door della Coppa Italia, e lì è inevitabile che il mister abbia cambiato idea. Andava trovato un punto d’incontro tra lui e Conte. Quel gol in Coppa Italia (vedi video) ha cambiato le sorti del suo campionato. Sicuramente ci si aspettava di più a livello numerico: almeno 10-15 assist e 7-8 gol. Il campionato definitivo sarà il prossimo, se rimarrà. Arturo Vidal? Se avesse giocato all’Inter come nel Cile avremmo giudizi diversi. Ma se devi avere un giocatore con uno stipendio che non è titolare, vanno fatte delle considerazioni».

MOSSE FUTURE – Altobelli non andrebbe a toccare l’undici Campione d’Italia. Sebbene alcune pedine “sacrificabili” non manchino. Ecco la sua opinione: «Titolari da cui ripartire? I tre difensori, Achraf Hakimi, Nicolò Barella e i due attaccanti. Se vai a cedere questi giocatori, i soldi che prendi li devi reinvestire per prendere giocatori dello stesso calibro. Marcelo Brozovic? Quando non c’è te ne accorgi, perché fa un lavoro incredibile. Però, se dovesse arrivare un’offerta importante, si potrebbe pensare di sostituirlo. Se vendi Lukaku o Lautaro Martinez e ne prendi 80-90, devi spendere la stessa cifra per sostituirli. Milan Skriniar e Stefan De Vrij, se non ne valgono 90, ne valgono 89».

VALUTAZIONI – Infine, Altobelli esprime un parere su Stefano Sensi: «Chi vorrei vedere in campo è Sensi. Non perché lo meriti, però è un giocatore su cui bisogna fare delle valutazioni. Bisogna capire se l’anno prossimo vi si possa investire. Se fa un buon Europeo e torna con la mentalità giusta, è un acquisto in più. Se così non fosse, forse è il caso di pensare a separarsi».

Si ringrazia Mattia Altobelli per la disponibilità mostrata nell’ospitata.

Clicca qui per vedere e ascoltare l’intervento completo di Mattia Altobelli a Inter-News.it

 

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh