EditorialiPrimo Piano

Inter, gli stadi aperti possono cambiare qualcosa: i 13 punti prima della Juventus

All’Inter servono tredici punti, su ventiquattro disponibili, per vincere la Serie A a prescindere dalle avversarie. La notizia di ieri sulla possibile riapertura degli stadi, seppur in parte, nel mese di maggio (vedi articolo) può però cambiare qualche scenario. E, con la Juventus sullo sfondo, meglio evitare.

OBIETTIVO IMMEDIATO – Oggi comincia la trentunesima giornata di Serie A, che però nella zona alta avrà il suo culmine domani. Atalanta-Juventus e Napoli-Inter sono due partite chiave per le prime posizioni, sia per la zona Champions League sia per il titolo. L’Inter arriva da undici vittorie consecutive, è chiamata a fare l’andatura e mantenere il distacco sulle inseguitrici (Milan in primis). Da ieri, però, c’è una novità: nelle ultime giornate si potrebbe rivedere il pubblico allo stadio. Certo, non i settantamila che il Meazza faceva più o meno in qualsiasi partita negli ultimi anni, ma una parte superiore al desolante zero dell’ultimo anno sì. E questo potrebbe cambiare gli scenari, ridando (per fortuna) un valore al fatto di giocare in casa o in trasferta.

SCONTRO DIRETTO – Chiunque deve essere contento della riapertura degli stadi: è un piccolo passo verso il ritorno alla normalità. Cosa di cui tutti sentono bisogno, dopo oltre un anno di restrizioni più o meno condivisibili. Nell’ottica della Serie A, però, un conto è avere anche solo mille tifosi (in zona gialla) a favore, un altro è averli contro. E in questo senso bisogna cerchiare una partita su tutte: Juventus-Inter, penultima giornata (vedi articolo). A oggi non è possibile sapere se all’Allianz Stadium sarà permesso l’accesso al pubblico, ma visto il tentativo (becero) di un anno fa sponda bianconera c’è da alzare l’attenzione in tal senso. Per evitare qualsiasi discussione, intanto, c’è un obiettivo da raggiungere: rendere quella partita ininfluente.

CORSA DA FARE – Come detto, l’Inter con tredici punti su ventiquattro vince la Serie A. Nessun calcolo, nessun interesse dei risultati altrui, niente. Servono quattro vittorie e un pareggio, potrebbero bastarne anche meno. Considerato, però, che a Torino si giocherà alla penultima, come già fatto notare (vedi articolo) è meglio fare la corsa sui diciotto punti precedenti. Ossia: entro al massimo Inter-Roma, terzultima giornata. Rendere Juventus-Inter decisiva vorrebbe intanto dire aver calato notevolmente il ritmo rispetto a ora. E, in più, prendersi un rischio evitabile, considerati anche certi precedenti a Torino di fine stagione. Ora arriva una settimana con tre partite: da domani a Napoli serve l’accelerata decisiva, poi sì che si potranno fare altre valutazioni. La strada è ancora lunga, i punti sono tanti ma l’Inter ora è chiamata all’allungo definitivo.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh