Inter rialzati subito: stagione lunga. Il Sassuolo serva da lezione

Articolo di
20 agosto 2018, 17:01
Icardi Inter

L’Inter di Luciano Spalletti ha esordito nella Serie A 2018/2019 con una sconfitta sul campo del Sassuolo guidato da Roberto De Zerbi. Ora i nerazzurri sono chiamati a interrogarsi sugli errori commessi cercando immediato riscatto contro il Torino

RITORNO AL PASSATO – Siamo solo al 20 agosto e tanti sono gli alibi (infortuni, condizione, reduci dal Mondiale, campo, arbitraggio), ma ieri per l’Inter e il suo allenatore Luciano Spalletti è arrivato il primo campanello d’allarme. La rosa è sicuramente più completa e forte rispetto alla passata stagione, ma se manca una caratteristica fondamentale vista lo scorso anno tutto diventa più complicato. Parlo della fame e della voglia di far bene per zittire i critici. L’Inter 2017/2018 veniva da una stagione disastrosa e Luciano Spalletti puntò subito sulla voglia di riscatto dei suoi giocatori confermando il blocco dell’annata precedente salvo qualche innesto determinante come Milan Skriniar.

ERRORI – L’Inter e il suo tecnico probabilmente si sono piaciuti troppo. Complice un mercato ottimo (unica pecca il mancato arrivo del centrocampista, ndr) e le buone sensazioni del precampionato i nerazzurri non sono entrati in campo con il giusto spirito facendosi subito schiacciare dal pressing del Sassuolo. Quando poi i neroverdi si sono portati in vantaggio hanno provato a cambiarla, ma senza la giusta convinzione e non dando mai la sensazione di poterla recuperare.

STAND UP – Nulla è naturalmente compromesso, ma una squadra che si candida a migliorare la classifica della passata stagione non può ricadere in vecchi errori da trasferta. Servirà quindi ritrovare oltre ai 5 titolari di ieri (Vrsaljko, Skriniar, Nainggolan, Perisic e Keita, ndr) la cattiveria e voglia vista nella passata stagione. L’Inter 2017/2018 aveva una missione: tornare nell’Europa che conta. Quella 2018/2019 probabilmente ne ha una meno affascinante: confermarsi. È però da queste fasi intermedie che si potrà tornare ad avere obiettivi sempre più alti. L’importante è non staccare la spina e sentirsi già arrivati. Il tempo delle chiacchiere è terminato ed è già ora di rialzarsi. La stagione sarà lunga e difficile. Le cadute non mancheranno, ma bisognerà imparare da ogni singolo errore per migliorarsi e cercare di raggiungere l’obiettivo; così fanno le grandi squadre. Stand up Inter.







ALTRE NOTIZIE