Inter, Pogba e Milinkovic-Savic oggi sono solo fantasia: la realtà è un’altra

Articolo di
4 Maggio 2020, 19:01
Marotta Conte Inter
Condividi questo articolo

All’Inter vengono ciclicamente accostati i nomi di Pogba (vedi articolo) e Milinkovic-Savic, soprattutto in queste settimane di moria di notizie calcistiche. Comprensibile l’esigenza di riempire pagine di giornali, ma entrambi i nomi in questione rappresentano ad oggi nulla più che semplici fantasie giornalistiche. Vediamo perché i pensieri di Conte e Marotta sono rivolti altrove.

FANTASIA – In casa Inter a tutto si pensa tranne che a Paul Pogba e Sergej Milinkovic-Savic. È doveroso partire da questa premessa per farsi un’idea reale di ciò che accadrà quando anche nel mondo del calcio verrà ripristinata una parvenza di normalità. Come logica impone in questo periodo storico, l’ultimo pensiero della società nerazzurra è quello di piombare a tuono sul mercato non appena questo sarà aperto. Nessun top club al mondo ha oggi una simile priorità. Una volta che verrà presa una decisione definitiva sulla ripartenza in sicurezza o sulla fine della Serie A 2019/2020, l’approccio in sede di campagna acquisti sarà ben diverso. Scambi, occasioni, parametri zero, mosse oculate. Il mercato che verrà sarà all’insegna di queste parole chiave. Anche per l’Inter. Quanto di più lontano, quindi, da Pogba e Milinkovic-Savic. Approfondiamo.

POGBA – Pogba al Manchester United guadagna quasi il doppio del giocatore più pagato dell’Inter, Romelu Lukaku. Inoltre, i Red Devils valutano il francese una cifra non lontana dai cento milioni di euro. Da respingere anche le voci di un inserimento di Christian Eriksen nell’eventuale operazione, il danese resterà a Milano con la massima fiducia di tutto il mondo nerazzurro. Si è parlato di una volontà di Mino Raiola, agente dell’ex Juventus, di spingere il proprio assistito da Giuseppe Marotta e Antonio Conte. Il fatto che in casa Inter siano ripresi dialoghi proficui con Raiola dopo la rottura in seguito agli addii di Zlatan Ibrahimovic prima e Mario Balotelli poi, non ha però alcun riferimento con la situazione Pogba.

MILINKOVIC-SAVIC – Milinkovic-Savic è invece blindato dalla Lazio. Il presidente biancoceleste Claudio Lotito, bottega carissima, vuole tenere il serbo e metterlo in vetrina in Champions League. Perfino Paris Saint-Germain e Juventus si sono rassegnate all’idea di prendere il numero 21 di Simone Inzaghi a certe cifre. Impensabile che l’inserimento di contropartite sia la chiave per abbattere la richiesta cash della Lazio. Inoltre, l’Inter non ha alcuna intenzione di sedersi attorno a un tavolo e giocare al rialzo con Lotito. La crisi globale che porta con sé il Coronavirus non consente a nessuno di poter ragionare su spese simili per un singolo calciatore. Ad oggi, Milinkovic-Savic va considerato fuori dal mercato.

REALTÀ – Marotta e Conte avevano già pianificato le prime strategie di rafforzamento per la prossima stagione. Nell’idea del tecnico, un centrocampista di inserimento e di grande fisicità è ciò che manca al centrocampo per il salto di qualità. Nella pianificazione non va però scordato che l’Inter dovrà spendere circa quaranta milioni di euro per i riscatti di Nicolò Barella e Stefano Sensi. Eriksen, come detto, rimarrà. Il danese, originariamente pensato come colpo estivo a scadenza di contratto, è stato un investimento anticipato. Infine, impossibile sapere oggi se e quanto verrà incassato dai giocatori ceduti in prestito ad agosto scorso come Mauro Icardi, Ivan Perisic e Joao Mario. L’incertezza regna sovrana, come su un’eventuale cessione di Lautaro Martinez al Barcellona. Anche per questo, è del tutto inutile fantasticare su colpi milionari come Pogba e Milinkovic-Savic.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE