Editoriali

Inter, mercato di riparazione “Rafinha” con vista Europa: cosa serve e come

Il primo mercato dell’era Marotta sarà invernale e di riparazione, ma i troppi vincoli a cui deve sottostare l’Inter in ambito UEFA rende l’impresa praticamente impossibile. Spalletti spera che Ausilio lo stupisca nuovamente in modo positivo, l’obiettivo è l’Europa

MERCATO DI GENNAIO – Gli obiettivi stagionali dell’Inter sono noti: vincere almeno un trofeo (l’Europa League più della Coppa Italia) e piazzarsi alla spalle della Juventus in Serie A (dal secondo – preferibile – al quarto posto, posizionamento minimo) per confermare la qualificazione alla prossima edizione della Champions League. Per far sì che ciò avvenga, Luciano Spalletti necessita di alcuni innesti che possano migliorare qualitativamente e quantitativamente la propria rosa, che faticherebbe a competere su due fronti – nazionale e internazionale – fino a fine stagione. Ma non si tratta di una situazione facile da gestire e per un discorso incatenato.

PROBLEMA LISTA UEFA – La prima situazione da ricordare è che l’Inter può fare massimo tre sostituzioni nella Lista UEFA, che è già limitata di suo. Attualmente è libero uno slot per un giocatore del Settore Giovanile, ma prima di inserire qualcuno è necessario toglierne un altro. I nomi ci sarebbero pure, prendendo spunto dai giocatori ormai fuori dai progetti d Spalletti (ad esempio Tommaso Berni, Andrea Ranocchia e Antonio Candreva), ma bisogna ricordarsi dei paletti imposti dal Fair Play Finanziario UEFA, di conseguenza si può riassumere tutto così: l’Inter può liberarsi di due-tre zavorre nella lista, ma inserendo solo giocatori in prestito secco.

DOVE INTERVENIRE – Difficile, quasi impossibile impostare così il mercato invernale di riparazione. Il secondo dettaglio che non bisogna dimenticare è che, sì, a Spalletti probabilmente farebbe comodo inserire in rosa tre giocatori nuovi – uno per reparto -, ma dalla lista attuale sono rimasti fuori Dalbert, Roberto Gagliardini e Joao Mario, oltre al rientrante Gabriel “Gabigol” Barbosa (già messo sulla lista degli esuberi da salutare definitivamente), quindi è intuibile il paradosso che si crea: l’Inter ha già in casa i giocatori da “aggiungere” alla rosa per aiutare Spalletti sui due fronti, ma non può inserirli. Stavolta qualità e quantità non vanno di pari passo.

COME INTERVENIRE – L’unica possibilità per vedere qualche cambiamento, quindi, è fare alcuni sacrifici in uscita (ad esempio il già citato Candreva) e prendere in sostituzione un’occasione low cost di pari “peso” economico, possibilmente in prestito secco, ovviamente nello stesso ruolo. Chissà se Piero Ausilio e Beppe Marotta hanno già qualche nome “alla Rafinha 2018″ a disposizione… Spalletti aspetta, spera, ma non si illudere: l’Inter a gennaio non stravolgerà la sua rosa, ma un’eventuale occasione in uscita potrebbe portare a un’occasione in entrata. Che sia solo per sei mesi (come appunto Rafinha…) o più, l’importante è raggiungere gli obiettivi stagionali.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh