EditorialiPrimo Piano

Inter a due volti: giugno di fuoco, luglio gelido e agosto per Inzaghi è un rebus

Inter protagonista dell’estate italiana fino a un certo punto. Più precisamente finché l’estate non è iniziata ufficialmente, perché finora le uniche cose portate a termine brillantemente risalgono a oltre un mese fa. E a una settimana dall’inizio dell’importante mese di agosto è già tempo di alcune riflessioni. Luglio non sta andando esattamente come sperato da Inzaghi

DOUBLE FACE – La partenza dell’Inter nel mercato estivo è stata ampiamente anticipata. Eccome! Arrivati quasi a metà della finestra estiva, la certezza è che il più sia già stato fatto… a giugno. In pratica la strategia nerazzurra prevede(va) il ritorno di Romelu Lukaku non come ciliegina sulla torta bensì come portata unica. Ci sta. L’operazione denominata Lukaku-bis alla fine è più onerosa di ciò che si pensava. Niente prestito gratutito, niente ingaggio dimezzato. Il nuovo numero 90 nerazzurro al momento rappresenta l’unico vero upgrade a disposizione di Simone Inzaghi rispetto alla stagione conclusasi a maggio. Un upgrade notevole sia per l’attacco sia per la manovra. E lo conferma benissimo il capocannoniere estivo Lautaro Martinez (vedi classifica aggiornata). Il lavoro fatto finora, però, non può soddisfare Inzaghi. Il tecnico nerazzurro chiede a gran voce almeno un centrale difensivo. E soprattutto non sa se riavrà a disposizione Milan Skriniar dopo il recupero post-infortunio. Questo no, non è un dettaglio trascurabile. La competitività dell’Inter in questa stagione passa più dalla conferma di Skriniar che dall’arrivo dell’eventuale sostituto. E non è il solo Skriniar a essere a rischio cessione, purtroppo. Questo scenario allontana l’Inter di Inzaghi dall’idea dello stesso Inzaghi. Bisogna pazientare. E sperare.

Inzaghi temporeggia: la sua Inter è incompleta

PROBLEMA MERCATO – Le prime tre amichevoli internazionali estive evidenziano quelli che sono i problemi dell’Inter oggi. Problemi intesi come possibili campanelli di allarme in vista delle prime partite ufficiali. Alla vittoria della Lugano Supercup segue il pareggio di Ferrara contro il Monaco e la sconfitta in casa del Lens (vedi analisi tattica). E ancora si è visto poco e nulla del calcio inzaghiano. A parte gli elogi automatici per la ritrovata mediaticità della “Lu-La” (definizione che avrebbe anche un po’ annoiato…), l’Inter di Inzaghi è ferma all’addio di Ivan Perisic e a tutte le conseguenze portate in dote. Al momento non c’è Perisic e nemmeno il vice-Perisic. Non è una critica, attenzione: Robin Gosens necessità di più tempo per essere al 100% ma se la prima opzione a sinistra è Valentino Lazaro è chiaro che qualcosa non torni. A centrocampo non c’è il vice-Barella ma anche lo stesso Nicolò Barella – che dovrà attendere un’altra stagione per imporsi come “Capitan Futuro” – non sta carburando. In difesa l’incongnita Skriniar si estende a Stefan de Vrij e al vice di entrambi. E tralasciamo l’argomento portiere, perché André Onana dodicesimo per il momento serve solo a caricare l’ottimo Samir Handanovic visto finora. Le note positive ci sono, in particolare l’innesto di Kristjan Asllani in mezzo al campo, ma è troppo poco per quello che meriterebbe Inzaghi adesso. Il mercato aperto sta condizionando non poco la preparazione dell’Inter in vista del debutto ufficiale in Serie A. E non può esserci un bivio tra limitare i danni e peggiorare ulteriormente la situazione: l’Inter di Inzaghi al completo forse vedrà la luce solo il 2 settembre. A Lecce, però, si gioca il 13 agosto…

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh