Inter di mano, Miranda villano: addio CL! Fine di un’era?

Articolo di
21 marzo 2016, 00:00

Trentasettesimo appuntamento della rubrica ironica “Crisi Inter”, dopo il pareggio esterno in casa della Roma. A detta degli esperti, l’1-1 dello Stadio “Olimpico” sancisce la fine dei sogni dell’Inter, che è costretta a rinunciare al terzo posto. Pesa molto l’errore dell’arbitro Orsato, che non assegna un clamoroso rigore alla Roma per fallo di mano di Miranda

NB – Istruzioni per l’uso: si consiglia la lettura di questo articolo alle sole persone dotate di ironia. Tutto quello che leggerete potrebbe ripercuotersi sulla vostra salute. Buona fortuna!

INTER BELLA – Incredibile, ma vero. In data 19 marzo 2016, in pratica sette mesi dopo l’inizio della stagione, è stata pronunciata la frase inattesa: “Inter bella“. Dopo le prime giornate era “Inter brutta, ma vincente”, secondo la tipica leggenda dell’Inter che vince, ma non convince. Poi è stato il turno di “Inter brutta e nemmeno vincente”. Terminato il momento no a cavallo tra Natale e Carnevale, l’Inter sembra essere diventata finalmente una squadra concreta. Un’Inter bella, ma non più né prima né terza.

ROMA DERUBATA – Nonostante l’Inter bella, non c’è spazio per ulteriori complimenti. Nell’arco dei 90′ minuti giocati allo Stadio “Olimpico”, l’1-1 è un risultato che va stretto alla Roma. Come detto a più riprese durante e dopo la partita, il rigore per fallo di mano di Joao Miranda sul colpo di testa di Edin Dzeko era clamoroso. Clamoroso. Sarebbe finita 2-1 in favore della Roma, che andando a +8 (+9 con la classifica avulsa) avrebbe già ipotecato il terzo posto, relegando l’Inter a un modesto quinto posto, Milan permettendo. Sia lodato l’arbitro Daniele Orsato.

ULTIMA SPIAGGIA – Nella settimana che ha portato a Roma-Inter il motivetto è stato il medesimo: se l’Inter non vince, addio terzo posto. Così è stato: l’Inter non ha vinto e, sebbene neanche la Roma abbia vinto, l’Inter ha abbandonato il sogno Champions League, ancora distante cinque punti. Scontro diretto a favore? Non conta, ormai il sogno è infranto. Ci sono ancora 24 punti a disposizione? Inutili, sogno infranto. Roma-Inter era l’ultima spiaggia per i nerazzurri, che adesso sono destinati ad affondare fuori dalla zona Champions.

ERA FINITA – Senza terzo posto e senza Champions League, si chiuderà anzitempo l’era del binomio firmato Erick Thohir e Roberto Mancini. Non è ancora ben chiaro cosa prospetterà il futuro, ma si parla già di illustri cessioni: andranno via tutti i big, Tommaso Berni compreso. Il nuovo allenatore dev’essere ancora deciso, ma probabilmente sarà un novellino (non Walter, che presto verrà esonerato dal Palermo di Maurizio Zamparini). E il presidente? Con Thohir in fuga, potrebbe essere chiunque. Solo una è la certezza: chiunque arrivi dovrà accettare la #CrisiInter perenne.

Condividi questo articolo

Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer





ALTRE NOTIZIE