EditorialiPrimo Piano

Conte non può pensare, Conte deve agire. Finalmente l’Inter di Eriksen

Conte da qualche partita ha ripreso in mano l’Inter, facendola sua dentro e fuori dal campo. La situazione rischia di precipitare a ridosso di Inter-Shakhtar Donetsk, che potrebbe vederlo alle prese con una decisione che avrebbe dell’assurdo. Sta per scoccare l’ora di Eriksen

VIGILIA PREOCCUPANTE – Attenzione. Tutto quello che leggerete in questo articolo potrebbe essere smentito nel giro di pochi minuti. Siamo tutti in attesa della conferenza stampa di Antonio Conte alla vigilia di Inter-Shakhtar Donetsk. E l’argomento principale, ovviamente, sarà quello che coinvolge i due ultimi infortunati in casa nerazzurra. Le condizioni di Nicolò Barella e Arturo Vidal (vedi articolo) serviranno a capire che tipo di Inter andrà in campo domani sera. La speranza è ascoltare un Conte più rilassato rispetto alle previsioni apocalittiche di queste ultime ore. Ma bisogna prevedere piano B (assente solo uno) e piano C (assenti entrambi). Il piano A, ovviamente, vedrebbe uno tra Barella e Vidal titolare, con l’altro pronto a subentrare, risolvendo anche il problema del primo ricambio a centrocampo. Utopia, oggi. Ma occhio alle notizie e soprattutto alle sorprese che potrebbero arrivare da Appiano Gentile già nei prossimi minuti. Buone, si spera.

ZERO ALTERNATIVE – Facciamo un’altra premessa. Ipotizzando che Barella e Vidal non possano essere rischiati dall’inizio, Conte non avrà scelte. Non esiste nemmeno il periodo ipotetico impostato con il condizionale. Se mancano Barella e Vidal, dovrà giocare Christian Eriksen mezzala. Il 3-5-2 è fatto e finito, al più potranno cambiare gli esterni (più difensivi per ottimizzare la copertura a centrocampo). Non può esistere l’opzione Stefano Sensi dal 1′ né qualcuno (chi?) fuori ruolo. E nemmeno cambiare modulo, tornando al 3-4-1-2 per lanciare Alexis Sanchez trequartista. Perché in quel caso mancherebbero cambi offensivi in panchina e verrebbe accentuato il paradossale problema che dovrà affrontare l’Inter di Conte contro lo Shakhtar Donetsk (vedi focus). Se Conte non ha alternative, non può pensare a come stravolgere l’Inter: deve solo dare fiducia a Eriksen, poi toccherà al centrocampista danese dimostrare il suo valore. Il “caso Eriksen” è stato ufficializzato dall’Inter stessa, ma entrambi ora sono obbligati a dimostrare che l’unica priorità è il bene nerazzurro. Basta polemiche. Tra circa 32 ore si deciderà il futuro europeo dell’Inter (vedi focus).

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh