EditorialiPrimo Piano

Conte, Marotta, Zhang. Fermi tutti: è lo scudetto degli interisti. Poi dell’Inter

Conte e Marotta hanno vinto il loro primo scudetto con l’Inter, dopo quelli alla Juventus. Zhang con Suning è il primo straniero sul tetto dell’Italia calcistica. Lukaku è il bomber che vince le partite da solo. E via dicendo. Il gioco delle etichette e dei titoli è già iniziato ma vale la pena fermarsi un attimo e omaggiare i veri eroi di questo diciannovesimo titolo: gli interisti

TUTTI SUL CARRO – Da ore, giorni, settimane – forse mesi – si parla dei meriti della vittoria tricolore e della loro suddivisione. Oggi possiamo dirlo: l’Inter ha vinto lo Scudetto numero 19 della sua storia! E tutti gli interisti sono (nuovamente) Campioni d’Italia, giusto. Ma per la suddivisione dei beni, in questo caso dei meriti, non c’è molto tempo da perdere. Anzi, è addirittura inutile indicare chi ha più meriti e perché. È lo scudetto degli interisti, intesi come tifosi. Tifosi in campo, in panchina, in tribuna e anche a distanza. Da casa, in trasferta. Ovunque. Non ce ne vogliano Antonio Conte, Beppe Marotta e Steven Zhang come simboli del trionfo. Né Samir Handanovic, Alessandro Antonello e Zhang Jindong. E neppure Romelu Lukaku, Piero Ausilio e tutta Suning. Nemmeno Andrea Ranocchia, Lele Oriali e Javier Zanetti. Potremmo continuare così fino a nominare giardinieri, magazzinieri e persone – stimate – a caso che oggi possono dire di essere dipendenti della squadra campione d’Italia. Tutti sullo stesso carro nerazzurro, consapevoli di aver fatto il proprio meglio per l’Inter, come veri tifosi. Questo è lo scudetto di tutti gli interisti, senza distinzione di compiti e ruoli, importanza e stipendio. Punto.

L’INTER AGLI INTERISTI – E c’è chi non ha bisogno di un ruolo specifico per esultare in quanto tifoso interista. Dopo oltre un decennio di buio, aggravato dalla sconfitta beffarda di Colonia, questo scudetto è solo una boccata di ossigeno meritata dopo troppe cose indigeribili. Dal 22 maggio 2010 è passato tutto in sordina. Ogni errore, ogni fallimento, ogni tentativo di auto-distruzione. Ma i tifosi interisti sono sempre stati al fianco della squadra, del management, della società, delle diverse proprietà. Ogni anno poteva essere buono per fare tabula rasa, invece è stato solo un continuo anno zero. Questo scudetto, che paradossalmente arriva nell’anno zero del calcio post-Coronavirus, è solo un rimborso tardivo per tutti i passi falsi degli ultimi anni. Un arco di tempo troppo lungo e distante dalla storia nerazzurra. Non è il giorno delle critiche, è il giorno della festa. E oggi la festa è solo interista. Si è letto e sentito di tutto nell’ultimo periodo. E invece non ci sono ex juventini che hanno cambiato DNA rinnegando il passato né imprenditori, mercenari e sciacalli che si sono vestiti di nerazzurro per poter unirsi alla festa. È lo scudetto di tutti gli interisti. Poi (anche) dell’Inter, che dal 9 marzo 1908 al 2 maggio 2021 ha visto cambiare praticamente tutto, senza farsi mancare nulla, nel bene e nel male. Tutto tranne i suoi tifosi, sempre di più e fin troppo fedeli all’unica e sola fede interista. Auguri, Campioni d’Italia! #IM19

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh