EditorialiPrimo Piano

Chiedere scusa ad Antonio Conte prima che sia troppo tardi (causa Inter)

La stagione dell’Inter non è iniziata nel migliore dei modi ed è proseguita con un problema dietro l’altro. Il punto più basso risale a dicembre, con l’uscita dall’Europa. A distanza di quattro mesi esatti la storia racconta altro, soprattutto guardando la classifica di Serie A. Chiedere scusa a volte è difficile, altre volte doveroso. Come in questo caso ad Antonio Conte

CHIEDERE SCUSA – Fare i complimenti a qualcuno dopo aver raggiunto il successo è troppo facile. Soprattutto quando viene raggiunto un obiettivo importante ma non “richiesto”. Perché il primo posto dell’Inter in Serie A, con 11-12 punti di vantaggio sulla seconda a nove partite dalla fine, è un obiettivo che si rischia di centrare contro ogni pronostico. Un obiettivo che solo Antonio Conte ha fatto suo, trainando staff, squadra, società e – a questo punto della situazione – anche l’attuale proprietà. Le basi su cui è stata programmata questa stagione, e con cui è partita in stra-ritardo sulla tabella di marcia, erano altre. E nel frattempo di critiche all’allenatore nerazzurro ne sono piovute da ogni dove. Qualcuna, forse, anche giustificata o giustificabile. Ma oggi è stata fatta piazza pulita da ogni sbavatura. Dal 9 dicembre 2020 al 9 aprile 2021 sono passati appena quattro mesi ma è cambiato tutto. Ed è doveroso chiedere scusa ad Antonio Conte per ogni accusa mossagli contro negli ultimi mesi. Prima che sia troppo tardi. Ovvero, prima che la stagione dell’Inter sia terminata. Con o senza lo Scudetto. Perché i meriti del tecnico leccese vanno riconosciuti a prescindere dal successo. Poi si potrà dire qualsiasi altra cosa – sicuramente delirante e allo stesso tempo sacrosanta – ma sarà già troppo tardi.

MACCHINA DEL FANGO – Bisogna chiedere scusa a Conte per ogni ridicola accusa di essere uno “juventino infiltrato che vuole sabotare l’Inter dall’interno”. Per le “decisive” sconfitte contro la Juventus nella passata stagione. [Per] le critiche dopo le dichiarazioni davanti alle telecamere contro un nemico interno poi rivelatosi reale ma gestibile. La sconfitta in finale di Europa League a Colonia. Le richieste avanzate in sede di mercato, a partire dal pupillo Arturo Vidal fino ad arrivare a calciatori mai trattati. Lo stipendio troppo alto non meritato. Le boiate sulla difesa a tre e sul mono-modulo. La sconfitta nel primo Derby di Milano stagionale. L’uscita prematura dalla Champions League (questo sì, obiettivo stagionale fallito ma solo per motivi economici). Le richieste di dimissioni o esonero. La gestione con relativo utilizzo di Christian Eriksen fino a gennaio. Il fallimento in Coppa Italia, considerato unico obiettivo raggiungibile in stagione. E per i commenti sul “catenaccio&contropiede” che rendono brutte le prestazioni dell’Inter capolista. La lista nera sarebbe anche più lunga ma basta questo riassunto per far capire di cosa si è parlato a sproposito negli ultimi mesi. Una macchina del fango sempre in moto. Chiedere scusa ad Antonio Conte significa riconoscerne il valore come allenatore e professionista, non c’entrano nulla i fallimenti o i successi con l’Inter. Il lavoro fatto finora ad Appiano Gentile va oltre ogni discorso estetico e tattico. Impariamo a rispettare gli altri prima di pretender(n)e il rispetto.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh