Anche la MLS riparte dopo il Coronavirus: il protocollo per la ripresa

Articolo di
3 Maggio 2020, 00:44
MLS 2020 logo
Condividi questo articolo

La MLS segue la maggior parte dei campionati europei e sceglie di seguire la strada della ripresa dopo il Coronavirus. Definito il protocollo per gli allenamenti individuali, come alcune squadre di Serie A: sarà in vigore da domani.

SI RICOMINCIA DOPO IL CORONAVIRUS? – “La MLS ha annunciato che, da mercoledì 6 maggio, i giocatori potranno iniziare a utilizzare i centri d’allenamento all’aperto per gli allenamenti individuali, in conformità con i protocolli dettagliati di salute e sicurezza creati in consultazione con esperti medici e di malattie infettive. Tutti gli allenamenti individuali sono facoltativi e non dovrebbero essere in conflitto con le politiche locali del Governo o della sanità pubblica.

Consentendo ai giocatori, su base volontaria, di utilizzare i campi gestiti dalla squadra per allenamenti individuali, i club di MLS saranno in grado di fornire un ambiente controllato che garantisca l’adesione ai protocolli di sicurezza e alle misure di distanziamento sociale per i giocatori e il personale.

Il protocollo di allenamento individuale proibisce l’accesso alle strutture del club, inclusi, a titolo esemplificativo, spogliatoi, palestre di squadra e locali di allenamento. Le palestre di squadra e le sale di allenamento possono ancora essere accessibili solo dai giocatori che ricevono cure post-operatorie e di riabilitazione, come indicato dal Chief Medical Officer del club.

Prima di iniziare gli allenamenti di ogni singolo giocatore, ogni squadra deve presentare alla MLS un piano specifico che delinei come implementerà i protocolli di salute e sicurezza. Questo include:
– limitare l’accesso delle strutture di formazione solo al personale essenziale, con il personale specifico dettagliato;
– piani di sanificazione e disinfezione per tutte le attrezzature e gli spazi di allenamento, compresa per qualsiasi attrezzatura utilizzata dai giocatori (palloni, coni, porte) tra ogni sessione;
– test da parte di ciascun giocatore prima di ogni arrivo sul luogo di addestramento e controlli della temperatura all’arrivo presso la struttura;
– arrivi e partenze sfalsati del giocatore e dello staff, con parcheggi designati per mantenere la massima distanza tra i veicoli;
– uso da parte del giocatore dei dispositivi di protezione individuale dal parcheggio al campo e, di nuovo, al ritorno al parcheggio;
– il personale utilizza i dispositivi di protezione individuale appropriati durante l’allenamento, mantenendo sempre una distanza minima dai giocatori in ogni momento;
– postazioni di lavaggio e disinfezione delle mani da utilizzare prima e dopo gli allenamenti individuali;
– i club potranno usare i campi all’aperto nella loro struttura di allenamento, divisa in un massimo di quattro quadranti per campo. Un massimo di un giocatore per quadrante può partecipare per sessione di allenamento senza condivisione o gioco di equipaggiamento (passaggio, tiro) tra i giocatori;
– un piano d’azione di emergenza per tutte le questioni relative al Coronavirus.

Tutti i piani devono essere esaminati e approvati dallo staff medico del club e dall’esperto locale di malattie infettive prima di presentare alla Major League Soccer. Ogni club designerà un membro dello staff per supervisionare l’adesione ai protocolli raccomandati dalla MLS e al piano di implementazione specifico del club.

Inoltre, ogni club sarà anche responsabile della conferma della comunicazione di questi protocolli ai giocatori e allo staff della squadra. Gli allenamenti individuali rimarranno in vigore fino a venerdì 15 maggio compreso”.

Fonte: MLSsoccer.com


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE