Coronavirus

Coronavirus, Italia e quarantena: Milano respira. Serie A, rabbia e futuro

Coronavirus, Italia e quarantena – 29 aprile: i dati di oggi (qui il bollettino) evidenziano un trend ormai in netto calo. Anche Milano sembra migliorare, nonostante sia una delle città a destare più preoccupazione. Intanto continuano le discussioni su Fase 2 e Serie A

Coronavirus, Italia e quarantena: calo costante, ma cautela. Ok Milano

La corsa del Covid-19 nella nostra Nazione è arrivata alla fase calante della curva. In particolare, i dati relativi ai contagi sono abbastanza positivi in tutto il Paese, anche se meglio al Sud. Diminuzione registrata anche oggi: sono 548 in meno gli attualmente positivi rispetto a 24 ore fa. Tornano ad aumentare i morti, ma anche i guariti, mentre continuano a svuotarsi le terapie intensive. La discesa dei contagi si registra finalmente anche in Lombardia e a Milano, i territori più colpiti dal virus.

Coronavirus: Serie A al bivio, ma ora regna pessimismo?

Le dichiarazioni di Spadafora (qui le ultime) continuano a generare rabbia e proteste nel mondo del calcio. La spinta di Gravina e di diversi club per la ripresa resta importante. La Lazio si sta esponendo anche con i suoi calciatori principali, prima Acerbi e poi Immobile, oltre a Lotito, ma potrebbe non bastare. Se il 14 giugno resta la data ultima per la ripresa, ora il pessimismo per la ripresa aumenta, come la rabbia del calcio. Vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni, ma mai come oggi sembra molto complicato che il campionato di Serie A possa ricominciare.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.