Cannavaro: “Uefa deludente. La Serie A rifletta bene sul da farsi”

Articolo di
15 Marzo 2020, 09:24
Condividi questo articolo

“La Gazzetta dello Sport” ha intervistato in esclusiva Fabio Cannavaro, ex difensore della Juventus e della Nazionale ora tecnico del Guangzhou Evergrande. Appena rientrato dalla Cina, l’ex Pallone d’Oro lancia un messaggio di intraprendenza e voglia di uscire dal tunnel. Non mancano stilettate alla Uefa per la gestione delle competizioni europee

ANDRÀ TUTTO BENE – C’è tanta voglia di ripartire e di farlo partendo proprio dallo sport. In questi giorni si è parlato molto della vocazione economica del pallone, ma è proprio da lì che gli appassionati vogliono tornare a vivere una vita normale. L’emergenza coronavirus è ancora nel pieno del suo sviluppo, ma ci pensa Fabio Cannavaro a lanciare un messaggio di speranza: “Si riparte! Si può fare, in Cina ci stanno riuscendo, si va verso la normalità. Ed è il messaggio che deve arrivare al mondo intero. Perché il coronavirus non risparmia nessuno in ogni angolo del pianeta, ma si può battere unendo le forze. Agendo da comunità“.

ODISSEA – Prima di poter mettere piede in Italia, Cannavaro ha affrontato una vera e proprio Odissea. Non è certo il momento migliore per essere un italiano che lavora in Cina: “Appena arrivato mi hanno sottoposto a tampone, per me è stato il terzo,emisurato latemperatura. Poi ho dovuto firmare un modulo in cui ho dichiarato dove fossi stato nell’ultimo mese e se avessi frequentato persone contagiate. A quel punto, come capita di fatto a tutti coloro che entrano nel Paese dall’estero, almeno quelli che provengono da luoghi già colpiti dal virus, vieni messo in quarantena per due settimane. Se hai un posto dove stare bene, altrimenti ti ospitano in alberghi attrezzati per garantire l’isolamento”.

ATTACCO DIRETTO – C’è spazio anche per parlare di calcio, campionati e del comportamento della Uefa in questa situazione d’emergenza: “Non parliamo poi della Uefa, davvero deludente: nel comportamento, nella capacità di guardare oltre gli affari. E speriamo che il loro notevole ritardo nel prendere decisioni inevitabili, per evidenza, non comporti ulteriori contagi. Queste soste devono aiutare a riflettere per migliorare. Cosa che mi auguro si faccia anche in Italia“.

Fonte: La Gazzetta dello Sport – Maurizio Nicita


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE