Torreira: “Ora penso alla Samp, il prezzo non mi condizionerà”

Articolo di
8 febbraio 2018, 15:17
Lucas Torreira Sampdoria

Lucas Torreira ha ribadito al Corriere della Sera di essere concentrato sulla Sampdoria aggiungendo tra l’altro che non si farà condizionare dal prezzo pagato dalla sua prossima squadra per metterlo sotto contratto.

PASSIONE E FAME – Torreira, seguito dall’Inter ormai da un anno, ha una clausola rescissoria da 25 milioni di euro ma gli ottimi rapporti con la Sampdoria potrebbero portare le due società ad allestire un’operazione sullo stile di quella imbastita lo scorso giugno per Milan Skriniar: «Io ci metto passione e fame, l’allenatore la fiducia in me. E se senti fiducia, non puoi che ripagarla. Nella Primavera del Pescara allenato dal fratello di Giampaolo facevo la seconda punta. L’idea di cambiarmi ruolo l’ha avuta Oddo, che guidava la prima squadra. Mi vede e mi fa: “Da attaccante puoi arrivare al massimo in C, perché non provi davanti alla difesa? Sei cattivo, hai tocco, sai giocare verticale…”. Sono il giocatore della Serie A che subisce più falli? Quella è un’arte sottovalutata: servono pensiero e furbizia. Per il modo di giocare di Giampaolo, dalle mie parti in campo c’è un gran traffico: io recupero tante palle e poi, se serve, faccio respirare la squadra subendo i falli. Pirlo? Eh, magari fossi come lui… I riferimenti comunque sono quelli: restando agli uruguaiani, Gargano e Pizzarro. La Sampdoria? Può benissimo prendersi l’Europa. I risultati dimostrano che ce la meritiamo. Se valgo 50 milioni? Io voglio sempre migliorare: ora c’è la Sampdoria, il resto non mi tocca. Vengo dalla fame e dalla polvere, non mi condizionerà mai un cartellino del prezzo».







ALTRE NOTIZIE