CalciomercatoPrimo Piano

Perisic si conferma anche in nazionale: nuovo tentativo per il rinnovo? – CdS

Perisic fondamentale con la Croazia così come con l’Inter. Il croato conferma il suo momento d’oro (vedi articolo) e ora, secondo il Corriere dello Sport, la società nerazzurra pensa a un nuovo tentativo per il rinnovo di contratto.

FONDAMENTALE Perisic, momento d’oro per lui confermato anche con la Croazia. Ivan non solo ha sbloccato il risultato nel corso dell’ultimo impegno con la sua nazionale, ma ha affrontato la sfida con impegno e applicazione, risultando uno dei migliori in campo così come nelle ultime partite disputate in nerazzurro. Perisic è ora più che mai una certezza, dando continuità a un lavoro iniziato addirittura ben prima l’arrivo di Antonio Conte, con la conquista del Triplete (da protagonista) con il Bayern Monaco, ma ancora da esterno offensivo. Conte individua in lui anche caratteristiche difensive, facendolo diventare un esterno a tutta fascia, e anche in quel caso risulta uno degli elementi decisivi per la conquista dello scudetto. La scorsa estate il cambio in panchina: Inzaghi per Conte, ma nulla cambia per il croato. Perisic si mette ugualmente a disposizione del nuovo tecnico e allo stesso modo, guadagnandosi la sua fiducia. Il tutto mentre, alle sue spalle, cresceva il giovane Dimarco, tornato dal prestito al Verona e una delle sorprese di questo campionato.

NUOVO TENTATIVO – Il momento d’oro di Perisic ha indotto alla società nerazzurra a una riflessione. La scorsa estate c’era stato qualche abboccamento per il rinnovo di contratto, ma Ivan preferirebbe concludere la sua carriera da un’altra parte, magari in Germania. Possibile che, come riportato dal quotidiano romano, sarà fatto un nuovo tentativo per il rinnovo di contratto, ma l’ingaggio proposto sarà molto lontano rispetto i 4,6 milioni percepiti attualmente.

Fonte: Corriere dello Sport – Pietro Guadagno

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button