Perisic cedibile, Inter decisa! Formula non un problema: gli scenari – GdS

Articolo di
7 agosto 2019, 09:56
Ivan Perisic Inter-Roma

La “Gazzetta dello Sport” scrive che l’Inter ha deciso di cedere Ivan Perisic. L’idea è liberarsi di tutti i giocatori problematici della scorsa stagione.

ANCHE L’ULTIMO – Ne resterà soltanto uno, si diceva in un film cult, «Highlander», in cui cadevano teste che era un piacere. All’Inter l’idea è che non ne resti nessuno, dei protagonisti dell’ultima stagione. Uno, Mauro Icardi, fa particolare resistenza, ma non gli è più concesso di combattere, solo di fare il torello con i compagni. Spalletti è andato a fine campionato, Nainggolan è stato spedito su un’isola (tutt’altro che deserta), all’appello mancava solo Ivan Perisic.

CESSIONE IN VISTA – Il croato rispetto agli altri sembrava poter avere una possibilità, forse due. E’ sempre stato nella lista dei cedibili, ma non era «fuori dal progetto». Le offerte d’acquisto non arrivavano (la valutazione dell’Inter è di 30 milioni) e per lui si studiavano impieghi alternativi. Niente da fare, zac. Un’altra testa è pronta a cadere, staff tecnico e dirigenza hanno deciso: il croato partirà comunque. Se non sarà possibile cederlo, si accetterà anche la formula del prestito. Una soluzione alla Nainggolan, insomma. Non dettata da esigenze di incassare denaro, ma di voltare pagina, definitivamente. Eliminando dalla rosa anche l’ultimo protagonista di una stagione più ricca di tensioni, casi e spifferi di spogliatoio che soddisfazioni.

GESTIRE LE EMOZIONI – Bisognerà valutare anche le decisioni del numero 44, che a 30 anni cercherà con ogni probabilità una soluzione «futuribile», per non perdere tempo e stagioni. Nelle ultime settimane si era mostrato sempre molto al centro dello spogliatoio e molto disponibile con i tifosi, ma anche più vicino del solito a Radja Nainggolan, l’altro epurato. È solito esternare piuttosto platealmente i suoi sentimenti: nell’ultima stagione, oltre ai cambi di marcia in corrispondenza degli sviluppi del caso-Icardi, si ricordano il calcio al palo dopo il gol liberatorio al Chievo e la reprimenda pubblica a Politano per l’esultanza in stile-Mauro. Si farà sentire, ma la prospettiva di essere attaccante di riserva, a svolgere compiti a cui non è abituato, con un allenatore poco incline a compromessi potrebbe averlo già convinto a partire. A quel punto salterà anche il terzo vertice del triangolo delle Bermuda (il 9 e Spalletti gli altri) che ha quasi inghiottito la nave interista un anno fa. All’Inter contano che così la traversata sia più serena.

Condividi questo articolo

Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer





ALTRE NOTIZIE