CalciomercatoFocusPrimo Piano

Lautaro Martinez spartiacque dell’Inter: un po’ Depay, un po’ Raspadori

Lautaro Martinez è uno dei principali asset dell’Inter, che si ritrova in rosa un vero gioiello. Acquistato in tempi non sospetti, anticipando la concorrenza, oggi vale quattro volte tanto e ha ancora margini di crescita. Anche per questo motivo – purtroppo – può essere visto come una plusvalenza se non messo al centro del progetto. Cosa c’entra con Depay e Raspadori?

LAUTARO MARTINEZ – Il 2021 rischia seriamente di diventare l’anno delle scelte azzardate a tema calcistico. Non basta(va) la narrativa sulla cessione di Achraf Hakimi (vedi focus), ora l’interesse sembra essersi spostato sui possibili sostituti dei titolari neo campioni d’Italia. Oltre all’esterno destro marocchino – impossibile da sostituire seriamente, sia chiaro – tiene banco il futuro di Lautaro Martinez, che con Hakimi da poco condivide lo stesso agente (vedi focus). E credere che anche l’attaccante argentino sia sostituibile degnamente, beh, fa sorridere. L’Inter intanto inizia a sfogliare la sua margherita di nomi utili per non farsi trovare scoperta, sebbene la priorità debba (dovrebbe…) essere il rinnovo di Lautaro Martinez. Poi si può pensare a piano B e piano C, semmai.

MEMPHIS DEPAY – Premesso che, così come Hakimi, anche Lautaro Martinez vuole restare a Milano e continuare a far coppia con l’amico Romelu Lukaku in attacco, lo scenario finora è stato banalizzato. Il nome più intelligente ipotizzato è quello di Memphis Depay, profilo perfetto per un paio di motivi. Il classe ’94 olandese è una punta ibrida proprio come Lautaro Martinez ed è legato a Lukaku da una storica amicizia. Insieme formerebbero una gran coppia, assolutamente. Inoltre si tratterebbe di un acquisto a parametro zero, visto che l’Olympique Lione non è riuscito a rinnovargli il contratto in scadenza. Peccato ci sia da tempo il Barcellona e l’Inter al momento non ha la forza finanziaria per accontentare le richieste contrattuali di Depay. Utopia di mercato?

GIACOMO RASPADORI – L’altra suggestione avanzata in questi ultimi giorni porta al nome di Giacomo Raspadori, stellina azzurra che farà parte della spedizione di Euro 2020. Caratteristiche ancora più ibride per il funambolo del Sassuolo, ancora tutto da sviluppare dal punto di vista fisico e tattico. Si tratta pur sempre di un classe 2001. E per quanto il talento non sia in discussione, sostituire Lautaro Martinez – dopo la stagione appena conclusa – non sarebbe il compito più facile del mondo. L’operazione sarebbe senza dubbio interessante, strategica. Ma non in sostituzione del classe ’97 argentino, bensì in aggiunta (al posto del “costoso” Alexis Sanchez, magari). E poi costerebbe circa un terzo del ricavato da Lautaro Martinez, almeno.

SOLUZIONE INTERNA – Si possono avanzare altre ipotesi e proporre nuovi acquisti. Che, così come l’attuale titolare, siano un po’ come Depay e un po’ come Raspadori. Anche perché, su certe basi, Lautaro Martinez oggi è veramente insostituibile per l’Inter. Al di là della plusvalenza bramata. I nomi di Depay (cartellino più basso – costo zero ma con commissioni al seguito, ingaggio più alto) e Raspadori (cartellino più alto, ingaggio più basso) non rendono giustizia all’importanza dell’attuale numero 10 nerazzurro nello scacchiere di Antonio Conte appena ereditato da Simone Inzaghi (vedi editoriale). Lautaro Martinez oggi per l’Inter vale quanto Depay più Raspadori, meglio capirlo prima di ritrovarsi senza. Non contano solo i gol e gli assist.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh