La Juve punta Icardi, l’Inter al momento fa muro – TS

Articolo di
8 giugno 2018, 10:33
Icardi

“Tuttosport” fa il punto sull’ipotesi di scambio tra Mauro Icardi e Gonzalo Higuain. L’Inter non ci pensa, ma se le situazioni cambiassero potrebbe valutare.

NEL MIRINO – Il rumore cresce, come quello di un temporale che si avvicina. E crescono le possibilità che tra i tanti tuoni di un mercato che si annuncia tra i più tempestosi degli ultimi anni, dall’addio di Cristiano Ronaldo al Real Madrid in giù, si senta anche il botto generato dal cambio di centravanti della Juventus. Cha ha anche Icardi tra le opzioni.

IPOTESI SCAMBIO – Di rumore ne ha già fatto tantissimo, e l’eco non si è ancora spenta, l’ipotesi di uno scambio con l’Inter, con Icardi ai bianconeri e il Pipita e un conguaglio ai nerazzurri. Ipotesi fondata su tre pilastri. Primo: entro il 30 giugno l’Inter deve mettere a bilancio 45 milioni di plusvalenze per rientrare nei parametri Uefa e al momento è lontana. Secondo: Icardi ha una clausola rescissoria per l’estero da 110 milioni, valida dal 1° al 15 luglio (cifra quindi inutie per il fairplay finanziario). Se un club la paghasse, e in Europa possono permetterselo in tanti, i nerazzurri si troverebbero senza centravanti e con una cifra sì alta, ma che non garantirebbe di arrivare a un attaccante dello stesso livello. Per non parlare degli ingaggi proibitivi dei top bomber europei: tranne quello di Higuain, che con 7,5 milioni sarebbe abbordabile e nell’immediato non è certo inferiore a Icardi. Terzo: la Juventus risolverebbe in anticipo il problema dell’eredità di Higuain con un giocatore di cinque anni più giovane (dicembre ‘87 contro febbraio ‘93). Proprio la differenza di età sarebbe alla base del conguaglio a favore dell’Inter. Finora, la società nerazzurra ha ribadito di considerare Icardi il bomber del futuro, convinta di riuscire a trattenerlo. Qualora le minacce del fair play Uefa e di un club pronto a pagare la clausola si facessero concrete, lo scenario potrebbe mutare.