Inter, quante cessioni servono per sbloccare il mercato? Dettagli e scenari

Articolo di
16 Settembre 2020, 09:16
Inter esultanza Inter esultanza
Condividi questo articolo

L’Inter ha bisogno di dare una scossa sul fronte cessioni per sbloccare il mercato. Conte chiede almeno altri 4 colpi per completare la rosa. Parallelamente, ecco chi sarà costretto a salutare

SLIDING DOORS – Il mercato dell’Inter rischia d’ingolfarsi da qui a breve. Senza un’accelerata sul fronte cessioni, i 4 acquisti richiesti da Antonio Conte faranno molta fatica ad arrivare a Milano. In primis Arturo Vidal. Nei giorni scorsi si era parlato delle difficoltà dell’Inter per chiudere proprio relativamente al discorso cessioni. Non si tratta solo di questo e per il cileno la situazione è leggermente più complessa (vedi articolo). L’ex Bayern Monaco è l’esempio lampante di una situazione praticamente congestionata. A Conte mancano alcuni elementi specifici per completare la rosa: un difensore (Matteo Darmian) un centrocampista centrale, un esterno sinistro e la quarta punta.

SCENARI – Darmian è promesso sposo nerazzurro non da ieri. Ma servono almeno un paio di uscite nel pacchetto arretrato per vederlo arrivare. La prima è quella, ormai acclarata di Diego Godin. Ma il suo ingaggio (da circa 5 milioni di euro) è un ostacolo per chiunque fosse interessato. Andrea Ranocchia gli fa compagnia: la soluzione Genoa, al momento, sembra in stand by. In mezzo al campo sono da piazzare Lucien Agoumé e Joao Mario: il primo pare vicinissimo allo Spezia (vedi articolo), per il portoghese si attendono novità. A sinistra potrebbero salutare sia Dalbert che Kwadwo Asamoah, ma solo sul primo (al momento) sembrano esserci voci concrete di addio. Discorso un po’ diverso per Antonio Candreva: la prestazione di Achraf Hakimi, ieri pomeriggio, ha messo in chiaro le gerarchie. La presenza di due ibridi come Danilo D’Ambrosio ed eventualmente Darmian restringe lo spazio per l’ex Lazio.

DAVANTI – In attacco la situazione è ancor più delicata. Lo slot per la quarta punta è teoricamente occupato da Sebastiano Esposito  (andrà piazzato anche Eddie Salcedo, ieri in campo col Lugano). Ma per il classe 2002 si cerca una soluzione in prestito che accontenti un po’ tutti, evitando magari un caso Andrea Pinamonti-bis. Quest’ultimo pare destinato ad occupare quello slot, andando un po’ contro tendenza rispetto agli ultimi colpi di Antonio Conte. Secondo diverse fonti italiane, ci sarebbe un accordo col calciatore (e il suo procuratore Mino Raiola) da rispettare. QUI abbiamo cercato di spiegarvi come stanno le cose. In ogni caso, all’Inter serve cedere. E serve farlo in fretta, perché nonostante la squadra sembri organicamente pronta ad affrontare le tre competizioni, i tasselli mancanti, alla lunga, rischiano di far sbroccare nuovamente l’allenatore pugliese.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE