Bonazzoli: “All’Inter ero in una bolla. Ma quando devi fare il grande salto…”

Articolo di
2 Febbraio 2019, 16:59
bonazzoli
Condividi questo articolo

Intervistato ai microfoni della “Gazzetta dello Sport”, Federico Bonazzoli, attaccante del Padova, ha parlato degli anni vissuti all’Inter tra Primavera e Prima Squadra.

“LA MUSICA CAMBIA” – Queste le parole di Federico Bonazzoli, attaccante del Padova: «Quando sei nella Primavera e vedi che fai la differenza ti senti forte, quasi invincibile. Invece la realtà è un’altra e quando poi fai il grande salto e ti trovi contro giocatori che hanno 200 o 300 partite tra i professionisti la musica cambia. E perdi fiducia, anche perché sei molto giovane e non sai affrontare le difficoltà. Ho delle colpe anch’io e non le nascondo: se non giocavo è perché non lo meritavo».

L’ESORDIO ALL’INTER«Mazzarri mi ha fatto debuttare a 16 anni e mezzo in Inter-Trapani di Coppa Italia nel dicembre 2013, mentre l’anno successivo ho esordito sia in campionato sia in Europa League. Vivevo in una bolla: io tifoso dell’Inter giocavo con i miei idoli che poco prima vedevo solo in televisione. Sono orgoglioso di quello che ho vissuto e le emozioni che ho provato in quel periodo non me le toglierà mai nessuno. Avevo legato con D’Ambrosio, che sento ancora adesso. Kovacic col pallone faceva cose straordinarie, Icardi già allora era un fenomeno. Padova trampolino di lancio come per El Shaarawy? Lo spero tanto, lui è ancora giovane e ha già fatto una grande carriera. Ora tocca a me».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer






ALTRE NOTIZIE