Wanda: “La Juventus ha offerto più di 50 milioni per Icardi”

Articolo di
13 luglio 2016, 11:26
icardi wanda

Continuano le interviste a ruota libera di Wanda Nara. L’agente-moglie di Mauro Icardi questa volta ha parlato ai microfoni del “Corriere della Sera”, dichiarando ancora una volta tutto l’amore del capitano nerazzurro per l’Inter ma anche una maxi offerta della Juventus. Ecco le sue parole.

QUALCUNO MENTE«Non è vero che voglio far trasferire Icardi, Mauro vuole restare e anch’io voglio rimanere a Milano. Mi stanno facendo passare per una mercenaria, non lo sono. Devono dire la verità, non dichiarare che Icardi è incedibile se poi parlano con le altre squadre. Ho chiesto il rinnovo perché è una promessa che mi era stata fatta la passata stagione. Mi era stato detto dal direttore sportivo Ausilio e dall’allora direttore generale Fassone che ci saremmo rivisti per adeguare l’ingaggio che non è in linea con il valore di Mauro, né in linea con altri stipendi dello spogliatoio. L’anno scorso mi avevano detto che non c’erano abbastanza risorse e abbiamo accettato le condizioni, però i patti si rispettano. Abbiamo fatto la cessione dei diritti di immagine del 50%, tenuto una base di stipendio bassa e non c’è clausola rescissoria.

SPAURACCHIO JUVENTUSMi fanno passare come una procuratrice pazza. Di offerte ce ne sono tante, ma non è il mio mestiere trattare con i club. Parlo solo del contratto di Mauro, quello è il mio ruolo, non fare le trattative. Ma so che Atletico Madrid, Tottenham e Arsenal si sono fatte avanti. Ora ci sono pure Roma e Napoli. La settimana scorsa il ds della Juve Paratici si è incontrato con Ausilio e ha chiesto Icardi, offrendo cifre importanti, più di 50 milioni. Poi dicono che non è vero, ma è così: io le bugie non le dico.

ANCORA INCINTAMauro vuole rimanere perché è innamorato dell’Inter e vorrei non che lo vendessero ma che gli allungassero il contratto di un anno. Restare a Milano è una comodità per i figli e per me, tanto più ora che aspetto un altro bambino. Sono incinta di due mesi, figuratevi se voglio traslocare in un altro posto, spostare la famiglia e quattro figli. Però sia io che Mauro abbiamo grande rispetto per i soldi. Non veniamo da famiglie povere, ma neanche ricche: sappiamo l’importanza e il peso del denaro.

ZANETTIParlerò con la proprietà cinese non appena ne avrò la possibilità. Loro non vogliono cedere Icardi. È un simbolo, la faccia dell’Inter. È come Pogba per la Juve. Perché non vogliono riconoscergli quel che gli avevano promesso? Le parole valgono più di un contratto.  Mauro è stato chiamato da Zanetti, gli ha detto di non preoccuparsi, le cose si aggiustano. Si è mosso subito e so che farà di tutto per accontentarlo e farlo restare.

LAVORO IN CASACerto è difficile per me fare l’agente, la madre e la moglie. Rimane tutto in casa, tutti i problemi stanno sempre in salotto. Succede sì, perché magari io parlo con un dirigente del contratto e Mauro è lì che ascolta e magari ci rimane male. E poi tocca a me gestire non solo il calciatore ma anche mio marito, il papà dei miei figli: non è facile per nulla. Non posso dire tutto a Mauro. Mi arrivano tante offerte. Quella dei cinesi l’ho rifiutata senza neppure comunicargliela. Poi lui l’ha letta sui giornali e mi ha chiesto: “Perché non me l’hai detto?”. “Sapevo che non avresti accettato”. Lui poi ci ride su e mi dà ragione: sa che quello che faccio è per il nostro bene. Ma riesco a fare così perché so benissimo quel che vuole e pensa. Lo sanno anche all’Inter, Mauro gliel’ha detto: Wanda dice sempre la verità».